Tottenham, ecco Mourinho: “Allenare è la mia vita, qua un potenziale enorme”

Presentazione ufficile per lo Special One

di Redazione ITASportPress

José Mourinho torna in pista. Dopo essere stato esonerato lo scorso dicembre dal Manchester United, il tecnico portoghese riparte dal Tottenham, subentrando a Mauricio Pochettino. Queste le sue parole nella conferenza stampa di presentazione.

POCHETTINO – “Innanzitutto voglio parlare, con un pizzico di tristezza, di Pochettino. Devo congratularmi con lui per il lavoro che ha svolto. Come ho detto a lui privatamente, questa sarà sempre la sua casa: qua può venire quando vuole, troverà sempre la porta aperta. Troverà un grande club ed avrà un grande futuro”.

PANCHINA – “Questa è la mia vita. Oggi non sto sorridendo molto solo perché tra due giorni c’è una partita che devo preparare, ma dentro sono davvero felice”.

DIFFICOLTA’ – “Ogni squadra che cambia allenatore a stagione in corso ha una situazione non positiva, ma questo club ha un potenziale enorme, così come la rosa dei calciatori. Ho tra le mani un grande potenziale”.

CAMBIAMENTI – “Non posso pensare di cambiare le cose in due giorni. Non ho grande esperienza nel subentrare a stagione in corso, è solamente la seconda volta che mi capita in carriera. Devo avere fiducia nel lavoro svolto fino ad oggi, i ragazzi erano nelle mani di un buon allenatore. Ovviamente alcuni principi cambieranno, ma ci vorrà tempo”.

PIU’ FORTE – “In questi undici mesi ho avuto tempo per pensare a molte cose, ho realizzato che nel corso della mia carriera ho commesso degli errori che non realizzerò più. Adesso sono più forte dal punto di vista emozionale. Sono rilassato e motivato. Dono abbastanza umile per analizzare la mia intera carriera. E’ stata la prima estate in cui non ho lavorato e non è stato facile. Mi sono sentito un po’ perduto, ma è stato un processo di apprendimento”.

SPIRITO– “Spero di poter influenzare i giocatori nell’arrabbiarsi dopo una mancata vittoria. Se sei felice dopo aver perso una partita, è difficile essere un vincente”.

CHELSEA – “Il passato al Chelsea? Questo è il calcio moderno, io adesso ho in testa solamente il Tottenham. Non sono del Chelsea, del Manchester United, del Real Madrid o dell’Inter. Sono di tutte e a tutte ho dato tutto, come farò anche qui”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy