Ranieri, l’ira verso Kamara: “Avrei voluto ucciderlo”

Il giocatore francese ha disobbedito agli ordini del tecnico, calciando con pessimi risultati un penalty la cui esecuzione sarebbe spettata a Mitrovic

di Redazione ITASportPress
Ranieri

Non usa giri di parole Claudio Ranieri nei confronti di Aboubakar Kamara, reo di aver calciato un calcio di rigore, sbagliandolo, non rispettando gli ordini dati dal tecnico: “Avrei voluto ucciderlo“, ha infatti detto l’allenatore romano al termine della gara.

L’episodio è andato in scena intorno all’80’ della gara tra Fulham e Huddersfield, quando l’arbitro del match ha assegnato un calcio di rigore alla squadra di Ranieri, con il punteggio ancora fermo sullo 0-0. Ma contrariamente a quanto stabilito, sul dischetto non si è presentato Mitrovic, bensì Kamara, che ha deciso di fare di testa proprio impossessandosi della sfera per calciare il penalty, sbagliandolo. Episodio che ha mandato su tutte le furie il suo tecnico: “Kamara non mi ha rispettato. Non ha rispettato il club, non ha rispettato la squadra e non ha rispettato i tifosi. Ho parlato con lui e gli ho detto che quello che voleva fare non era giusto. Ho ordinato a Mitrovic di andare sul dischetto perché è lui il nostro rigorista, ma Kamara ha disobbedito. È incredibile, volevo ucciderlo“. E per fortuna che alla fine è arrivata comunque la vittoria per il Fulham, grazie ad un gol segnato al 91′ proprio da Mitrovic…

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy