Real Madrid, il calvario di Varane che nessuno conosce…

Lunga intervista a Cadena Ser per il difensore francese del Real Madrid

di Redazione ITASportPress

L’11 maggio 2013, Raphael Varane, difensore del Real Madrid, subì un infortunio che lo tenne in infermeria molto più a lungo del previsto. Il francese si ruppe il menisco destro e ci volle tanto tempo per tornare a giocare a calcio. Anni dopo Varane spiega perché ci è voluto tanto per tornare a giocare.

“La guarigione dalla rottura del menisco esterno destro è più complicata di quanto sembri, è stato rimosso il 72% dal menisco esterno, più o meno, il menisco esterno ha tempi di recupero più lunghi rispetto al menisco interno, per essere al 100% bisogna aspettare un anno anche se nel mio caso mi aspettavo da tre mesi “, ha rivelato il giocatore, in un’intervista con “The Width” su Cadena Ser.

CALVARIO –  Un calvario che pochi conoscevano: “Mi faceva molto male, è normale avere fastidio, ma la gente non lo sapeva”. Forse il mio spagnolo non era così buono da spiegarlo bene ora il mio ginocchio è perfetto. Devo fare il lavoro di forza in estate, giorno per giorno, ma ormai non è più il mio punto debole”.

Varane decise di non leggere più ciò che diceva la stampa: “Si sono dette molte cose su questo argomento, un motivo in più per non leggere più di tanto. Ho letto cose incredibili, alcuni addirittura si sono chieste se chi mi avesse operato l’avesse fatto bene”.

Per fortuna l’infortunio è ormai un ricordo: “Ho già giocato 32 partite, un buon numero e la stagione non è finita. Importante, adesso è avere fiducia in noi stessi. Devi essere al 100% per dare tutti, siamo molti in rosa e l’allenatore ci tiene tutti in considerazione”.

Sorteggi Champions, Totti gufa la Juve e chiama il “Real”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy