Victor Valdes, lettera commovente a Casillas: “Sei e sarai sempre il numero uno”

Victor Valdes, lettera commovente a Casillas: “Sei e sarai sempre il numero uno”

“Ti incoraggio ad essere ancora quel leone bianco, ma questa volta, dietro la linea laterale”

di Redazione ITASportPress

Tanti i messaggi di supporto arrivati all’indirizzo di Iker Casillas. Il portiere spagnolo del Porto, che ha accusato un infarto nei giorni scorsi, ora sta bene e attorno a lui si è stretto il mondo del pallone e non solo.

L’ultimo ad aver voluto mandare ben più di una parola al suo vecchio compagna e, soprattutto, amico, è stato Victor Valdes, ex portiere, che con Casillas ha condiviso tantissimi momenti con la maglia della Nazionale ma ne è stato anche rivale per anni con la sfida tra Real Madrid e Barcellona.

Attraverso il proprio profilo Instagram, lo spagnolo ex blaugrana, ha scritto una lettera estremamente emozionante:

“Caro Iker, caro amico. In questo mondo del calcio, alcuni scelgono di essere un portiere, altri invece devono imparare ad esserlo, con i loro difetti e le loro virtù. Tu sei e sarai sempre tra quelli nati con un guantone sul palmo di ogni mano, un idolo in cui risiedono qualità innate che il resto delle persone deve raggiungere, uno di quegli idoli che gli altri, meno qualificati, sperano di raggiungere. Che tutti sognano di imitare per alzare, come hai fatto tu, i trofei che ti riconoscono come il migliore. Sei il nostro campione del mondo con l’1 sulla schiena. Tu sei, e sarai sempre la forza e la motivazione che tutti i portieri sognano con la capacità di volare più in alto e più in lungo di tutti, trasformando l’impensabile in possibile. Quello che fa sospirare ad ogni magnifica e perfetta parata che solo tu sei in grado di fare, come se fossi l’eletto, come se avessi la bacchetta magica”.

E poi continua: “Amico mio, è inevitabile per me essere emozionatoo mentre scrivo queste righe nel ricordare ciò che abbiamo vissuto, ammirando con nostalgia quei grandi scontri in cui, naturalmente, il massimo pregio per me è stato ammirarti e apprezzarti in ogni allenamento fatto insieme. Un intero Paese è sceso in strada e ti ha acclamato. Caro Iker, caro amico, come portieri accettiamo senza paura, che è il valore che ci identifica, quel pericolo che la vita ha deciso di portare vicino anoi, e questa volta è più di una semplice fermata. Il tuo cuore, quello che batte ancora per quelli che sognano di raggiungere ciò che sei stato tu una volta, ti reclama, e come amico e rivale dei tempi passati, ti incoraggio a essere di nuovo quel leone bianco, ma questa volta, dietro la linea laterale. È la tua eredità che ti definisce, e questo è già storico. Sempre nei miei pensieri, da portiere a portiere. La Doble V.V.”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy