Wenger nostalgico: “Non posso vivere senza allenare”

Wenger nostalgico: “Non posso vivere senza allenare”

Le dichiarazioni dell’ex tecnico dell’Arsenal

di Redazione ITASportPress

Certe passioni non possono avere fine. Il calcio rappresenta ancora tantissimo per Arsene Wenger. Il tecnico francese ha lasciato la guida dell’Arsenal al termine del 2017/18, dopo 22 stagioni al timone dei Gunners. Tuttavia, il richiamo del campo è ancora forte. Queste le sue parole ai microfoni di BeIN Sports: “Non posso vivere oggi pensando che non sarò mai più in panchina. Potrei scegliere una posizione intermedia. Quello che voglio di sicuro è condividere ciò che so e ciò che ho imparato il più possibile. Mi piacerebbe provare per l’ultima volta l’intensità della competizione. Ho avuto la tentazione a tornare di nuovo alla guida, ma era difficile dire di no ad alcune persone. Dato che sono stato in gioco per così tanto tempo, non avrei mai pensato di poter lasciare l’Arsenal, ma ho dovuto reinventare una nuova vita. A volte potresti diventare un po’ amaro perché non hai più la stessa eccitazione, ma sono molto felice di essere sopravvissuto ed in modo molto positivo perché sono consapevole di aver trascorso 22 anni eccezionali. Sono stato molto fortunato a guidare questo club per 22 anni, con un tocco di classe. Quindi nel complesso devo dire che sono felice di essermi dimesso. Sono riuscito a farlo perché sento da qualche parte che ho dato il mio cuore e il mio cervello il più possibile quando ero lì. E poi devi accettarlo. È come educare i bambini. Devi lasciarli andare per la loro strada e continuare ad avere successo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy