Zenit, Mancini: “Assurdo che Dzyuba paghi la clausola per giocare contro la sua ex squadra”

Zenit, Mancini: “Assurdo che Dzyuba paghi la clausola per giocare contro la sua ex squadra”

Il tecnico italiano è deluso dopo il pareggio a Tula firmato dal suo ex attaccante

di Redazione ITASportPress

Roberto Mancini c’è rimasto davvero male per una vittoria sfuggita al 90′ a Tula. Un pareggio per 3-3 che sa di doppia beffa per lo jesino anche perchè a frenare lo Zenit è stato il suo ex attaccante  Artem Dzyuba che per essere in campo contro la compagine di San Pietroburgo ha pagato i 150 mila euro inseriti nella clausola del contratto di trasferimento in maglia giallorossa. Mancini, che a gennaio ha chiesto alla dirigenza dello Zenit la cessione di Dzyuba, in conferenza stampa post partita, si è ricordato della vicenda della clausola pagata da Dzyuba per essere in campo oggi visto che il suo club non avrebbe potuto uscire i soldi. “Sono felice per Artem che abbia segnato anche se il suo gol ci ha costretti al pari, tuttavia, credo che un calciatore non debba pagare di tasca per avere l’opportunità di giocare contro il suo club. Il suo cartellino è di proprietà dello Zenit tanto che dopo circa 20 giorni tornerà a San Pietroburgo. Quindi è davvero assurdo tutto ciò”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy