Bari, Radrizzani dice no, ma il club può ripartire dalla Serie C

Bari, Radrizzani dice no, ma il club può ripartire dalla Serie C

Sfumata l’iscrizione alla Serie B, spunta una cordata per rilevare il titolo sportivo del Bisceglie

di Redazione ITASportPress

Quella di lunedì 16 luglio è stata una giornata campale per il calcio italiano. Prima le voci sulle possibili, pesantissime richieste di condanna per i processi che aspettano Chievo e Parma, poi l’ormai imminente cancellazione dalla Serie B di due piazze storiche come Cesena e Bari.

Romagnoli e pugliesi sembrano però destinati a percorsi opposti: nulla da fare per i romagnoli, che cercheranno di ripartire dalla Serie D, mentre il Bari sembra aver trovato uno spiraglio per ricominciare dalla Serie C. Dopo infatti che anche la trattativa per l’ingresso in società e il conseguente salvataggio del club da parte di Andrea Radrizzani, attuale patron del Leeds, e di Ferdinando Napoli è andata in fumo. A ufficializzarlo è stato un comunicato dello stesso Radrizzani, che si rammarica per il poco tempo avuto a disposizione per studiare le carte: “Negli ultimi giorni abbiamo valutato attentamente la possibilità di investire nel AS Bari insieme ad altri partners e investitori locali. Purtroppo il poco tempo disponibile per eseguire una due diligence dettagliata e approfondita consona ad una operazione con un alto profilo di rischio ci costringono a malincuore ad abbandonare questa idea e sfida. Auguriamo che la società possa essere salvata e restiamo disponibili a valutare future collaborazioni e investimenti”.

Impossibile quindi trovare i tre milioni mancanti per farsi riammettere dopo la prima bocciatura della Covisoc, ma una ciambella di salvataggio può arrivare dalla vicina Bisceglie, il cui presidente, Nicola Canonico, grande tifoso biancorosso, è interessato a trasferire a Bari il titolo sportivo del club nerazzurro, impegnato in Serie C. A far parte della cordata che permetterebbe di salvare il titolo sportivo sarebbero anche lo stesso Napoli e l’attuale presidente Cosmo Giancaspro. Ne nascerebbe una società ovviamente nuova, pulita e forse ambiziosa. Ripartendo dalla serie C.

Amarcord – Quando Bonucci segnava per il Bari

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy