Bonucci: “Dal 2006 il calcio è cambiato. Palestra parte più importante dell’allenamento. Una palla in tribuna è un colpo al cuore”

Parla il difensore della Juventus e della Nazionalre

di Redazione ITASportPress

Leonardo Bonucci, difensore della Juventus e dell’Italia, è il primo protagonista del nuovo format Player Insight presente sul sito della FIGC. Il centrale bianconero ha affrontato diversi temi legati all’attualità calcistica, compresi i cambiamenti col passato sia a livello di gioco che di allenamento.

Bonucci: “Tanti cambiamenti dal 2006. E la costruzione dal basso…”

Juventus Bonucci (getty images)

“Dal Mondiale 2006 il calcio è cambiato molto. Ora il modo di giocare è completamente diverso e per questo ti devi adeguare”, ha detto Bonucci. “Tutto è più veloce, dal modo di pensare a quello di stare in campo, così come i tempi di lettura delle situazioni. Adesso l’attaccante ti frega in un millesimo di secondo, si è tutto molto velocizzato e giocatori che adesso fanno la differenza qualche anno fa erano giocatori normali. Personalmente amo questo calcio e come si è evoluto. Vedere una palla calciata in tribuna quando invece la si poteva giocare in altro modo per me è un colpo al cuore“, ha aggiunto il centrale difensivo in merito alla costruzione dal basso.

Il cambiamento del mondo del calcio c’è stato anche a livello fisico: “La preparazione atletica? Penso che la struttura più importante sia quella fisica, bisogna essere in grado di reggere l’intensità della partita ogni tre giorni. Ora i muscoli devono essere molto allenati. La differenza la fanno la preparazione, la cura e l’alimentazione. Parlando con tanti ex giocatori o più anziani mi hanno sempre detto che prima non c’era questo livello di cura. Se quando ero giovani qualcuno mi avesse detto tutte queste cose ne sari stato davvero velice e l’avrei ringraziato”.

“Come si rimane al livello top? Con la cura del dettaglio, la preparazione e l’allenamento serio. Per stare in Nazionale ed in un club importante come la Juventus, se devi passare mezz’ora in palestra lo fai perché è la fase più importante dell’allenamento. Poi, a livello personale, trovo molto importante il recupero e gli esercizi che faccio il giorno dopo la gara in piscina. Rimango anche due ore tra palestra e piscina, nuotando e facendo esercizi”.

Italia Bonucci, getty images
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy