Bonucci: “Essere capitano della Juventus e dell’Italia grossa responsabilità. Vi svelo chi è la mia bestia nera…”

“La fascia? Sicuramente una bella responsabilità, perché devi essere d’esempio per tutti”

di Redazione ITASportPress

A margine della presentazione del suo libro, Leonardo Bonucci, difensore della Juventus, ha parlato a lungo di diversi temi. Dopo le dichiarazioni delle scorse ore, ecco altre parole importanti in ottica Nazionale e non solo.

CAPITANO – Con l’assenza di Giorgio Chiellini, Bonucci è diventato in una volta sola capitano della Juventus ma anche della Nazionale italiana: “Devo dire che è un bel peso. Sicuramente una bella responsabilità, perché devi essere d’esempio per tutti anche se poi devi esserlo sempre anche senza la fascia. Però, quando la indossi, soprattutto in Nazionale, sei a capo della parte sportiva dell’Italia, quindi devi essere d’esempio per i tuoi compagni e anche per i giovani che sognano. Non dimenticate mai la scuola e soprattutto che il calcio è divertimento”.

RIVELAZIONE – Curiosa, poi, la risposta ad una domanda: “L’attaccante più forte incontrato in carriera? Non l’ho mai nascosto, anzi, l’ho sempre detto che la mia bestia nera è stato Zapata. Infatti, la scorsa settimana che era fuori dai convocati (nella partita contro l’Atalanta ndr) ho esultato tra me e me…”, ha ammesso Bonucci.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy