Briatore: “Mio figlio è milanista, ha detto a Donnarumma che lo picchia se va alla Juventus”

Briatore: “Mio figlio è milanista, ha detto a Donnarumma che lo picchia se va alla Juventus”

“Higuain-Icardi? Il Pipita ha segnato di più negli ultimi tre anni rispetto al capitano dell’Inter”

di Redazione ITASportPress

Dal calcio alla Formula 1. Presente negli studi di Sky Sport 24, Flavio Briatore ha toccato diversi temi d’attualità. Ecco le sue dichiarazioni:

MILAN – “Sono tifoso della Juventus, ma mio figlio è milanista, nessuno è perfetto (ride, ndr). Sono stato a Milanello, bello vedere la gioia di Falco che ha visto i suoi idoli. Il calcio è bello per questo, fa sognare: è uno sport bellissimo, la gente discute sempre di calcio. Mio figlio ha visto Donnarumma e gli ha detto: ‘se vai alla Juventus ti faccio male!’. Donnarumma è l’idolo di Falco. Cinesi? Un gruppo che mette 200 milioni non può puoi ritirarsi, non ci sarà alcun problema in vista del closing.

JUVENTUS-INTER – “Chi è meglio tra Higuain e Icardi? Il Pipita ha segnato di più negli tre anni rispetto al capitano dell’Inter”.

CONTE – Gli italiani in Inghilterra hanno fatto bene cambiano gli schemi, mentre quelli inglesi giocano sempre allo stesso modo: io ho esperienza a riguardo, tant’è vero che ne ho licenziati cinque…”.

ECCLESTONE – “Presidente onorario? Mi sembra una grande cavolata, è un ruolo che non conta niente per chi è stato sempre padrone in Formula 1. Gli ho sempre detto che il cimitero è pieno di gente che ritenevamo indispensabile. Ha la sua età, si rilassi in questi anni”.

FORMULA 1 – “Al pubblico di vedere l’ingegnere che ha inventato la doppia frizione non gliene frega nulla. Il pubblico vuole vedere i gladiatori, ovvero i piloti. Prima lo erano perché c’erano molte meno regole. Per vedere la bravura del pilota c’è bisogno che tutti abbiano la stessa macchina. Questo sport deve essere uno spettacolo in cui puoi interagire, ma alla fine è rimasta quella di sempre, con i costi che sono aumentati”.

ROSBERG – “Da un lato mi ha sorpreso il suo ritiro, dopo aver vinto poteva anche farlo un altro campionato, ma dall’altro penso che abbia fatto bene a ritirarsi dopo il trionfo”.

FERRARI – “Il team è sempre lo stesso. Il forno, il pane e il panettiere è sempre lo stesso, quindi non ci sarà alcun cambiamento. Chi cambierà, invece, è la Red Bull”.

MERCEDES – “Vantaggio incolmabile. Stavolta Hamilton si concentrerà di più per vincere il mondiale e non farà come lo scorso anno dove ha fatto il dj ed è andato a sciare”.

VERSTAPPEN – “E’ destinato a diventare campione del mondo. In Brasile ha fatto delle robe assurde, abbiamo assistito a cose che non si assisteva dai tempi di Senna”.

SCHUMACHER – “Non ho notizie, né buone e né cattive”.

TRUMP – “Inauguration day? Esperienza unica, quattro giorni a Washington in cui eravamo blindati. Ogni sera c’era una cena. Sta facendo quello che ha promesso ai suoi elettori in campagna elettorale, a differenza di quella che succede in Italia. Negli Stati Uniti d’America c’è una maggioranza che è ancora con lui”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy