Cagliari, Maran: “Udinese squadra insidiosa. Razzismo? Bisogna capire se sono casi isolati…”

Il tecnico dei rossoblù ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della trasferta in Friuli

di Redazione ITASportPress
Maran

Il Cagliari affronta l’Udinese per l’ultima giornata del girone d’andata, sfida che si era già presentata sempre in chiusura nella stagione 2014-2015.

Corsi e ricorsi, come non è un mistero che Rolando Maran sia stato avvicinato in passato anche alla panchina dei bianconeri. Il presente però si chiama Cagliari e la necessità è quella di fare punti in trasferta, dove finora i rossoblù hanno un passo da retrocessione.

Contro il Genoa è tornata la sospirata vittoria, ma l’ultima partita prima della sosta però è sempre insidiosa: “Aver ritrovato la vittoria è stato molto importante, per il momento della stagione e per come è arrivata – ha detto il tecnico di Rovereto in conferenza stampa, senza poi sbilanciarsi sulla formazione – Abbiamo preparato la gara velocemente ma con molta attenzione, cercando di recuperare le energie. Ho ancora 24 ore per le ultime valutazioni: non è facile capire bene chi ha recuperato al meglio. Farias? Sta bene, in questo momento mi aspetto tanto da lui”.

La classifica dei friulani piange, ma Maran non si fida: “L’Udinese è una squadra fisica che concede poco, inoltre hanno pochi assenti e potranno fare turnover. Siamo concentrati su questa sfida, poi tracceremo un primo bilancio della stagione”.

Inevitabile una battuta sui fatti del momento, in tema di calcio e non solo: “Dobbiamo capire se sono persone isolate o si parla di razzismo diffuso: serve che tutti, insieme, facciano degli sforzi. Il calcio dev’essere una possibilità d’incontro”.

“#F

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy