Cagliari, Pavoletti: “Il mio obiettivo è l’Europeo. Barella? Perso un grande giocatore ma per noi è motivo d’orgoglio…”

Cagliari, Pavoletti: “Il mio obiettivo è l’Europeo. Barella? Perso un grande giocatore ma per noi è motivo d’orgoglio…”

“Spero e penso di essere un buon esempio per i giovani. Cerco di essere uno che si impegna al massimo in allenamento, per arrivare bene alla partita della domenica”

di Redazione ITASportPress

Direttamente dal ritiro di Pejo, Leonardo Pavoletti, attaccante del Cagliari, ha parlato della stagione che sta per iniziare, ma anche di mercato e degli obiettivi personali da raggiungere. Dopo un’ottima annata, che lo ha visto grande protagonista con la maglia rossoblù, “Pavoloso” pensa anche alla Nazionale e al prossimo Europeo.

RITIRO – “Si parte da qui, dal ritiro. Stiamo lavorando tanto e c’è un buon gruppo. Io rimarrò sicuramente a Cagliari: non ho mai avuto intenzione di andare via, stiamo lavorando per migliorarci, noi e la società. Dopo una grande stagione è sempre difficile confermarsi, ma ora sono alla soglia dei 31 anni e ho una certa esperienza. Sono convinto che ci miglioreremo, con un gioco spumeggiante e per me sarà ancora più facile fare gol. Vogliamo portare il Cagliari più in alto in classifica, divertendoci noi e il pubblico”. “A livello personale mi sto convincendo, vista l’età, di essere un buon esempio anche per i miei compagni. Cerco di essere uno che si impegna al massimo in allenamento, per arrivare bene alla partita della domenica”. Sul rapporto con Maran: “Il mister parla molto con tutti, a noi più grandi chiede di trascinare i giovani, sapendo che nel momento opportuno toccherà a loro. L’intesa tra senatori è giovani è quel che dobbiamo inseguire, dobbiamo migliorare nei dettagli che lo scorso anno non sono andate bene”.

MERCATO –  Spazio anche al mercato. Prima sulle voci che vogliono il centravanti al centro di diversi rumors, poi anche sulla cessione di Barella all’Inter: “Su di me tante voci, ma non è arrivata nessuna offerta, che non sarebbe comunque nemmeno stata presa in considerazione”, ha chiuso secco Pavoletti. “Barella? Abbiamo perso Nicolò, ma quando un compagno va in una grande squadra è un motivo d’orgoglio, perché vuol dire che abbiamo fatto bene il nostro lavoro per aiutarlo”.

NAZIONALE – “Arrivare all’Europeo? L’obiettivo è quello, farebbe piacere anche perché sono nel momento decisivo della carriera. Dovrò essere bravo a sfruttare quest’anno, ma contano soltanto i gol: per un attaccante il 90 per cento sono i gol, perché è quello che risulta agli occhi di tutti”.  “Il centravanti della Nazionale oltre a me? Belotti, mi è sempre piaciuto. Per caratteristiche mi ci rivedo tanto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy