Caso Bergamini, per la procura di Castrovillari non fu suicidio

Caso Bergamini, per la procura di Castrovillari non fu suicidio

Ai microfoni di Rai Sport parla così il magistrato della procura calabrese

di Redazione ITASportPress

“Procederemo con la riesumazione del cadavere perché vogliamo approfondire con le tecniche di cui oggi si dispone tutti i possibili aspetti di quello che non è un suicidio, non è ipotizzabile come un suicidio”.

Il procuratore Capo di Castrovillari, Eugenio Facciolla, annuncia che, a distanza di 28 anni, si riapre ufficialmente l’inchiesta sulla morte di Denis Bergamini. Sono stati notificati due avvisi di garanzia, all’ex fidanzata, Isabella Internò, e al conducente del camion coinvolto quella sera, Raffaele Pisano. La riesumazione verrà effettuata il 2 maggio in provincia di Ferrara.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy