Cassano racconta: “Real Madrid? Occasione buttata. Capello non ne poteva più”

L’ex fantasista è tornato a parlare della sua avventura al Real Madrid facendo mea culpa per gli errori commessi.

di Redazione ITASportPress

Antonio Cassano è un giocatore che ha unito e allo stesso tempo diviso. Sul campo, quando voleva, illuminava il gioco con una tecnica e un talento sopraffini. La vita extra calcistica però ha inciso molto sulla sua carriera e ad ammetterlo è stato lo stesso Cassano. Durante un’intervista a SkySport l’ex giocatore ha parlato dell’avventura al Real Madrid.

OCCASIONE PERSA – Antonio Cassano nel 2006 arriva al Real Madrid di Capello dopo aver rotto con la Roma. Un’occasione che il barese non ha saputo sfruttare: “A 23 anni sei nella più grande squadra della storia e non la sfrutti: questo è il mio rimpianto, la più grande scemenza che ho fatto nel calcio. Un’occasione clamorosa buttata dalla finestra, mi ha fatto capire quello che ero e cosa ho buttato via”.

CAPELLO – Cassano ha poi parlato del rapporto con Capello: “Aveva fatto tantissimo per me già prima: io arrivai sei mesi prima di lui, ho fatto una preparazione ottima e perso 16 kg. Nelle prime tre partite sono partito alla grande, facendo due gol e alla quarta mi ha messo fuori: io sono andato fuori di testa mancandogli di rispetto per l’ennesima volta e stavolta lui ha sbottato, non ne poteva più. Lui tratta tutti alla stessa maniera, ma a cinque giornate dalla fine mi ha dato ancora una opportunità: lui ha fatto tanto per me, io poco per lui”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy