Chelsea, senti Zola: “Sarri doveva restare”. E intanto Lampard prepara il nuovo staff tecnico…

Chelsea, senti Zola: “Sarri doveva restare”. E intanto Lampard prepara il nuovo staff tecnico…

L’ex vice dell’allenatore toscano parla della scelta della società inglese

di Redazione ITASportPress

In casa Chelsea è stata rivoluzione. Via Maurizio Sarri e con lui anche Gianfranco Zola, dentro Frank Lampard, ex allenatore del Derby County, e staff tecnico in fase di costruzione. I Blues sono a lavoro per dare nuovo lustro alla società dopo una buona stagione culminata con il trionfo dell’Europa League.

Ma secono Magic Box, le cose sarebbero dovute andare diversamente. Parlando a TalkSport, l’ex numero 10 anche del Cagliari, ha confidato che, secondo lui, il Chelsea ha sbagliato a mandare via l’allenatore toscano.

PECCATO – Come riporta il Sun, Zola si è detto dispiaciuto per il suo addio e quello di Maurizio Sarri: “Penso che il meglio del lavoro di Maurizio non si veda nel primo ma dal secondo anno in poi. Guardando il modo in cui lavora, ci vuole un po’ di tempo per applicare ciò che vuole fare ed è molto esigente con i giocatori. Ma una volta che questi si abituano migliorano tantissimo e il lavoro diventa più efficace. È un peccato. Perché credo che sarebbe stato un bene per il club se Sarri fosse rimasto e sarebbe stato un bene anche per Maurizio”, ha concluso Magic Box.

NUOVO CHELSEA – Intanto, dopo l’arrivo di Frank Lampard alla guida del club, il suo staff tecnico si sta, piano piano, componendo. L’ex leggenda blues è pronta a chiamare i suoi “amici” e fedelissimi e a fare fuori chi, come Carlo Cudicini, ha fatto parte del vecchio gruppo di assistenti di Sarri. L’ex portiere, infatti, secondo quanto rivela il Telegraph sarebbe con le valigie in mano perché Lampard avrebbe in mente un nuovo assistente, magari Ashley Cole. Il Chelsea, però, in questo senso vorrebbe tenere Cudicini affidandogli un altro ruolo che non ostacoli le scelte dell’ex centrocampista.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy