Chievo, l’appello di Pellissier: “Abbiamo chiesto a tutti di ridursi lo stipendio…”

Chievo, l’appello di Pellissier: “Abbiamo chiesto a tutti di ridursi lo stipendio…”

“Abbiamo una squadra di Serie A come giocatori, ma hanno, allo stesso tempo, ingaggi da massima serie”

di Redazione ITASportPress

Una retrocessione dolorosa quella a cui ha dovuto fare fronte il Chievo. Dopo tanti anni nella massima serie, per i veronesi è stata Serie B. Un’annata particolare, vissuta tra le vicende del campo e quella giudiziarie che ne hanno anche compromesso la stagione.

L’obiettivo, adesso, è ripartire. Essere protagonisti in cadetterie e, possibilmente, tornare in alto. Sergio Pellissier, storica bandiera del Chievo, ritiratosi proprio al termine della scorsa stagione, è diventato dirigente del club e, intervenuto a Radio Sportiva, ha parlato del prossimo campionato di B ammettendo di aver fatto una richiesta piuttosto particolare ai propri calciatori.

APPELLO – “Abbiamo una squadra di Serie A come giocatori, ma hanno, allo stesso tempo, ingaggi da massima serie, mentre il budget in Serie B è molto diverso. Non è semplice, perché gli ingaggi della Serie A sono difficili da poter vendere in questa categoria. Abbiamo chiesto a tutti i ragazzi, in un momento di difficoltà, di ridursi l’ingaggio o di venirci incontro in qualche modo, per dimostrare di credere nel Chievo e di poter rinascere da questa società. Calciatori come Cesar e Frey hanno la mentalità da Chievo che avevo anch’io. L’anno scorso cambiare all’improvviso cercando di ringiovanire tutto è stato un problema. Serve che qualche ‘anziano’ faccia capire cosa significhi sudare per questa maglia. Ci auguriamo di poter tornare presto a giocare il derby con l’Hellas in A”, ha detto Pellissier diventato direttore sportivo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy