Cobolli Gigli: “Juventus in B? Moratti stappò lo Champagne. Nedved non adatto. Mi auguro che Buffon…”

L’ex presidente bianconero ricorda alcuni episodi passati e dice la sua sulla società torinese

di Redazione ITASportPress

Non solo le parole sulla possibile ripresa dei campionati, l’ex presidente della Juventus Giovanni Cobolli Gigli ha parlato a lungo del club bianconero e delle vicende che coinvolsero la società al momento della retrocessione in Serie B ma anche di questioni decisamente più recenti ai microfoni di Road 2 Sport.

IN B – “In condizioni normali non è semplice esser presidente della Juventus, ma accettati nel 2006 per senso di dovere e per piacere. Ho sempre tifato per la Juventus fin da piccolo. La Juventus in Serie B? Quando accadde, Moratti stappò bottiglie di champagne. Anche perché Guido Rossi decise di assegnare lo scudetto all’Inter. Anni dopo venne fuori il fascicolo in cui si dimostrava che anche i nerazzurri erano coinvolti”.

ATTUALITA’ – “Il rapporto con Del Piero? Mi domando anche io il perché Del Piero non sia in società. Forse non stava simpatico ad Andrea Agnelli”, ha detto Cobolli Gigli. “Quando seppi che Agnelli sarebbe tornato alla Juve, fui molto contento perché la famiglia era sinonimo di vittorie. Poi il presidente ha avallato la scelta di Pavel Nedved, ma a mio avviso non era l’uomo adatto. Mi auguro che un giorno sia vice direttore Gianluigi Buffon”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy