Conte ricorda: “La Nazionale? Avrei continuato perché ogni calciatore avrebbe dato la vita per l’altro…”

Conte ricorda: “La Nazionale? Avrei continuato perché ogni calciatore avrebbe dato la vita per l’altro…”

“L’Italia dà sensazioni uniche”

di Redazione ITASportPress

Intervenuto nel corso del Festival dello Sport di Trento, Antonio Conte, attuale allenatore dell’Inter, ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla Nazionale che ieri ha vinto contro la Grecia e si è qualificata con tre giornate d’anticipo per Euro 2020.

EMOZIONI – “La Nazionale è una sensazione unica, sai che stai rappresentando il tuo Paese. Ci ho giocato e l’ho allenata, devo dire che da calciatore dà emozioni forti, ma da ct senti una responsabilità enorme”, ha spiegato Conte che poi è tornato sul suo passato da commissario tecnico: “L’Europeo del 2016? Riuscimmo a lavorare tre settimane e mezzo insieme, la cosa più importante fu quella di plasmare un gruppo dove ogni calciatore avrebbe dato la vita per l’altro. Ai quarti di finale abbiamo battuto la Spagna campione del mondo, imbattuta da tantissimo. Non c’era grande qualità in rosa, ma c’erano 23 uomini con il piacere di stare insieme e aiutarsi con le difficoltà. Si dice che volere è potere: volevamo tutti. La mattina dopo, prima di salutarci, fu molto emozionante, la ricordo con affetto. Non avessi già firmato con il Chelsea, avrei continuato. C’era grandissima unità di intenti e legame”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy