Coronavirus, Mancini: “Nessuno si meritava questo inferno”

Il ct della Nazionale ha commentato l’emergenza legata al Coronavirus.

di Redazione ITASportPress

La pandemia di Covid-19 sta letteralmente spazzando via vite umane. Ogni giorno, il bollettino è sempre più pesante ed è difficile intravedere la luce in fondo al tunnel. Sono in tanti quelli che hanno perso famigliari e cari amici, portati via in poco tempo dal virus.

MANCINI – In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport anche il ct della nazionale Mancini confessa di aver perso un caro amico nella bergamasca: “Giocava a calcio con me da piccolo, mi ha chiamato mia sorella per dirmelo. Le immagini dei militari che portavano via le bare da Bergamo sono state come un pugno in faccia, impressionante”.

INFERNO – Sempre Mancini ha usato parole toccanti per descrivere l’attuale momento: “Nessuno era pronto a questo inferno. La gente muore perché mancano i letti in rianimazione. E’ assurdo, è inaccettabile. Tutta questa gente avrebbe meritato l’Europeo per ripartire. Ma tra un anno, io mi aspetto un Europeo di altissimo livello, di grandissima qualità. Proveremo a vincere un grande torneo. E aspetto il momento dell’inno. Sarà un’emozione splendida, fortissima”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy