ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Scuola allenatori

Corso per Ds: tantissimi volti noti da Ausilio a Massara

foto figc.it

Centoquarantaquattro ore di lezione nell’aula magna di Coverciano su più materie per formare i futuri direttori sportivi. Ampio spazio dedicato al calcio giovanile

Redazione ITASportPress

Centoquarantaquattro ore di lezione, con in cattedra rinomati professionisti del mondo calcistico per formare i futuri direttori sportivi: dallo scorso 15 novembre al 22 dicembre l’aula magna di Coverciano è stata la cornice del corso per ds a indirizzo tecnico-sportivo, seguendo come di consueto un programma didattico di livello per fornire agli allievi le migliori conoscenze possibili per poter svolgere in futuro un ruolo dirigenziale in ambito calcistico.

Attuali direttori sportivi ai vertici del calcio italiano hanno portato ai corsisti tutta la loro esperienza: così in cattedra, per parlare della loro formazione e del ruolo del ds, si sono alternati direttori sportivi del calibro di Piero Ausilio (Inter), Riccardo Bigon (Bologna), Daniele Faggiano (Sampdoria), Cristiano Giuntoli (Napoli) e Frederic Massara (Milan).

Tra le altre personalità legate alle società di Serie A sono intervenuti il segretario generale della Lazio, Armando Calveri, e il team manager della Samdporia, Alberto Marangon, mentre per discutere dell’ascesa del movimento femminile ha tenuto una lezione l’head of Juventus Women, Stefano Braghin.

Immancabili gli appuntamenti dedicati al calcio giovanile. In cattedra si sono così alternati personalità del calibro di Maurizio Viscidi (coordinatore delle Nazionali giovanili maschili), Roberto Samaden (direttore del Settore Giovanile dell’Inter e responsabile della sezione per lo ‘Sviluppo del calcio giovanile e scolastico’ del Settore Tecnico), Vito Di Gioia (segretario del Settore Giovanile e Scolastico), e i responsabili dei settori giovanili di Atalanta, Genoa, Parma e Spal, ovvero – rispettivamente – Maurizio Costanzi, Michele Sbravati, Filippo Galli e Andrea Catellani.

Per illustrare alla classe l’importanza di due discipline come match analysis e scouting, sono invece intervenuti il match analyst della Nazionale azzurra di Roberto Mancini, Antonio Gagliardi, e il direttore dell’Area Scouting del Bologna, Marco Zunino.

Infine - oltre alle lezioni dei docenti del Settore Tecnico che qui non abbiamo citato – una parte del programma didattico non poteva che essere dedicata alla comunicazione; per discuterne, sono saliti in cattedra professionisti del settore come il presidente della Fondazione Museo del Calcio, Matteo Marani; il responsabile Comunicazione della Sampdoria, Paolo Viganò, e i giornalisti de La Gazzetta dello Sport e di SkySport, Nicola Binda e Alessandro Bonan.

tutte le notizie di