Costacurta: “Le squadre B sono necessarie. Tornare al Milan? Mai dire mai…”

Costacurta: “Le squadre B sono necessarie. Tornare al Milan? Mai dire mai…”

Il vice-commissario della Federcalcio fa il punto della propria gestione e parla del proprio futuro

di Redazione ITASportPress
Costacurta

Alessandro Costacurta ha parlato a cuore aperto ai microfoni del Corriere dello Sport, toccando diversi temi che concernono il suo ruolo alla FIGC, il Mondiale e, dulcis in fundo il suo futuro dove svela un possibile ritorno al Milan.

RAPPORTO CON LA FIGC – “Domani festeggio sei mesi esatti, penso di aver fatto molto e anche bene. La sconfitte in finale di Under 19 e Under 17 non hanno scalfito i nostri risultati. Considero queste le radici migliori per il nostro futuro a patto che i club puntino di più sui ragazzi. Non siamo a corto di talenti, bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno”.

SQUADRE B – Tra i temi caldi dei mesi di commissariamento quello relativo all’istituzione delle squadre B, progetto che ha deluso visto che solo la Juventus sarà al via della prossima Serie C: “Molte squadre di C non riescono a sostenersi, ogni anno ne saltano fuori tante, quindi il progetto va tenuto in vita e non deve riguardare solo le grandi. Io ad ottobre andrò via e nonostante gli insulti continuerò a difendere le seconde squadre, in quanto le malizie le impari dalla serie B e C”.

MONDIALE E MANCINI – “Il Mondiale ha aiutato l’Italia a non considerarsi l’ultima ruota del carro. La mancata qualificazione è stata vissuta come una vergogna, non esserci andati dà fastidio e non deve ripetersi, ma l’entusiasmo è tornato. Servono subito i risultati contro Polonia e Portogallo in Nations League. L’entusiasmo di Mancini fa bene a tutto il movimento”.

FUTURO – Chiusura con l’ipotesi legata al possibile ritorno al Milan: “Tornerò a Sky per continuare a studiare e proseguire il mio percorso da dirigente. Il merito di aver studiato in questa bella scuola va al presidente Giovanni Malagò, al commissario Roberto Fabbricini e al direttore generale Michele Uva. Il Milan è casa mia, non ho mai rotto con nessuno. Poi vedremo se il mio futuro sarà in Federazione, Lega o in un club”.

Milan, l’amarcord di Ibrahimovic

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy