De Laurentiis: “Mai creduto all’amore assoluto di Sarri. Su James Rodriguez e il mercato…”

De Laurentiis: “Mai creduto all’amore assoluto di Sarri. Su James Rodriguez e il mercato…”

“Lozano e Manolas? Si, ma ci sono anche altri giocatori che seguiamo”

di Redazione ITASportPress
De Laurentiis

Dopo le dichiarazioni di ieri, arrivano altre parole del presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis sull’approdo di Maurizio Sarri alla Juventus – presentato nella giornata di giovedì a Torino – e non solo. Ancelotti, mercato e il suo futuro alla guida del club tra i temi affrontati dal numero uno azzurro e riportati dal Corriere della Sera.

STOCCATA – Prima l’attacco, poi ancora parole non certo al miele nei confronti dell’ex tecnico toscano: “Maurizio avrà bisogno di tempo, l’ambiente dovrà concederglielo”, ha detto De Laurentiis che poi ha continuato: “Sarri traditore? Sono per la libertà, quindi rispetto la sua scelta. Ognuno fa quel che vuole ma si assume la responsabilità. Non ho mai creduto all’amore assoluto di Sarri e il tempo mi ha dato ragione. Ripeto spesso che sono per la monogamia, credo nel matrimonio e del resto sono a Napoli da 15 anni, nonostante una parte della tifoseria abbia provato ad ostacolarmi. I litigi ci stanno, l’importante è restare fedeli alla causa e all’amore per i colori azzurri. La mia fu un scelta di cuore e resta tale”.

MERCATO – James Rodriguez ma non solo tra le operazioni fattibili da parte del Napoli: “James Rodriguez? Carlo me lo ha chiesto. Proviamo ad accontentarlo. Manolas e Lozano seguiti? Sì, ma ci sono anche altri giocatori che seguiamo. Lasciateci lavorare, partiamo comunque da una buona base. Ai napoletani dico di fidarsi di chi finora non li ha mai traditi”.

FUTURO – Spesso contestato da parte della tifoseria, De Laurentiis parla anche del suo futuro: “Se ho mai pensato di lasciare il Napoli? Ho avuto offerte importanti, non ho mai ceduto e resto perché ci credo. Magari un giorno… Ma lo lascerei solo ai miei figli”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy