De Ligt: “Sul mio conto molte cose inventate”

De Ligt: “Sul mio conto molte cose inventate”

Il difensore della Juventus dice la sua sui recenti rumors e i possibili malumori dopo la prima stagione

di Redazione ITASportPress
de Ligt

“Sono state inventate tante cose sul mio conto”, parla Matthijs De Ligt. Il difensore della Juventus ha voluto commentare le ultime settimane vissute tra l’emergenza coronavirus, le voci di mercato e la ripresa della Serie A. Il giovane olandese ha parlato ai microfoni di Tuttosport anche del suo approdo in bianconero e dell’impatto avuto col calcio italiano.

De Ligt: impatto bianconero

Bonucci de Ligt
De Ligt e Bonucci (getty images)

“Il primo sentimento al mio arrivo è stata la felicità: mi ha comprato la Juventus, uno dei più grandi club del mondo”, ha esordito de Ligt. “Poi appena arrivato sono immediatamente partito per l’Asia, dove mi sono reso conto di quanto grande sia questo club: trovavo tifosi ovunque, in qualsiasi parte del mondo andassi, la fama della Juventus è immensa. Tutto diverso rispetto alla vita all’Ajax. Diciamo che la prima grande differenza che mi ha colpito è la dimensione internazionale del club. E poi c’è stata l’accoglienza dei compagni. Abbiamo un gruppo eccezionale. Sono stati tutti gentili con me e molto disponibili. Mi sono sentito subito parte di una grande famiglia”.

Rumors e verità

Sul conto del difensore sono spesso circolate voci di un presunto malcontento, ma de Ligt chiarisce: “Sono felice alla Juventus! Sono molto felice qui. Mi sono reso conto che nell’ultimo periodo, senza il calcio giocato, qualcuno ha inventato un po’ di cose sul mio conto. Sono veramente felice di essere qui, di allenarmi ogni giorno con giocatori straordinari, ho la costante sensazione di migliorare giorno per giorno e quindi ora sono molto contento alla Juventus. Sì, sono felice”.

Compagno migliore

Dybala
Dybala (Getty Images)

E sulla rosa bianconera e il calciatore che più di tutti lo ha sorpreso: “A essere onesti il livello della squadra è davvero alto. Ovviamente c’è Cristiano Ronaldo, ma non lo nomino, perché tanto tutti sanno chi è e cosa sa fare. Allora dico che ce ne sono altri due che mi hanno colpito: uno è Dybala, che ha una tecnica davvero sbalorditiva. L’altro, so che può sembrare strano, ma è Rodrigo Bentancur, giocatore dalle qualità tecniche davvero sorprendenti. Credo che sia parecchio sottovalutato, è un grande giocatore con un grande futuro davanti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy