De Sciglio: “Sogno l’Europeo. In Italia avevo perso piacere di giocare. Garcia mi ricorda Allegri perché…”

Parla l’esterno del Lione

di Redazione ITASportPress
De Sciglio

Interessante intervista rilasciata dall’esterno del Lione Mattia De Sciglio ai microfoni di gianlucadimarzio.com. Il calciatore italiano ex Juventus sta vivendo una bella esperienza nel massimo campionato francese dove la squadra allenata da Rudi Garcia può dire la sua anche in ottica titolo. L’ex Milan e Juventus si è raccontato a 360° tra passato, presente e futuro…

De Sciglio: tra sogni e paragoni

De Sciglio
Mattia De Sciglio (Getty Images)

Come detto in passato, anche adesso De Sciglio non si sbilancia sul futuro ma ammette: “Mi piacerebbe rimanere. Qui mi trovo bene. Però non abbiamo ancora parlato di niente. Mancano ancora due mesi: vedremo cosa vorranno fare Lione e Juventus. Poi magari si possono aprire altre porte, chissà. Restare all’estero, comunque, mi piacerebbe molto. Vedremo…”. E ancora sul Lione e sulle ambizioni per questa stagione: “Siamo a tre punti dalla vetta e mancano otto giornate. Sabato c’è PSG-Lille: abbiamo una grande chance di guadagnare altri punti. Crediamo nel titolo, e abbiamo il dovere di farlo”.

Al Lione, De Sciglio ha trovato Rudi Garcia, ex tecnico della Roma: “Al di là degli aspetti calcistici, mi chiede sempre come sto, come mi trovo. Mi piace molto, mi ricorda Allegri per il rapporto che ha con i suoi giocatori: dà molta confidenza, scherza molto con tutti. È come un padre, non è come uno di quelli che mantengono le distanze: coinvolge sempre tutti”.

A livello personale, poi, l’esterno classe 1992 ha aggiunto guardandosi indietro: “Qua c’è una mentalità diversa. Si lavora molto, ma con meno intensità: se a loro proponi i metodi che utilizziamo in Italia ti prendono per matto, ma si lavora comunque molto bene. Anche qu si vuole vincere, ma il calcio si vive meglio. In Italia le pressioni sono talmente esasperate che ti fanno passare il piacere di giocare, cosa che invece è fondamentale. A questi livelli il calcio è giusto che sia un vero lavoro, però il divertimento deve rimanere sempre. Altrimenti diventa tutto pesante”.

Infine un parere anche sul campionato italiano e le situazioni di Milan, Inter e Juventus: “Del Milan non mi stupisco. Tutto è cambiato con l’arrivo di Maldini e la nuova gestione”, ha detto il difensore. “Negli ultimi anni che ho fatto in rossonero, il fatto che ogni anno andasse sempre peggio era anche causato dalla poca chiarezza sulla situazione societaria. Noi giocatori siamo sempre concentrati sul campo, ma è inevitabile che certe situazioni influiscano sul rendimento della squadra. Quest’anno stanno facendo un bel cammino”. Sull’Inter: “Non avevo dubbi. L’Inter ha fatto investimenti importanti e hanno una squadra forte allenata da Conte. Lui ha una mentalità vincente. Dove va, vince. Ti dà quell’energia in più che in pochi sanno trasmetterti”.

Non poteva mancare un pensiero sulla Juventus di Pirlo: “Prima o poi capita l’annata in cui hai più difficoltà”, ha dichiarato De Sciglio. “Pirlo? È difficile partire da zero e trovarsi in un contesto come quello della Juve, con tutte le pressioni del caso. Mi ricorda Inzaghi al Milan. Lui aveva già allenato Allievi e Primavera, che a livello di pressioni non sono paragonabili, ma sono comunque esperienze importanti. Pirlo invece è partito da zero e con pressioni ancora maggiori rispetto a quel Milan. Non deve essere per niente facile. In Champions, poi, hanno avuto anche molta sfortuna. Quella coppa è diventata un’ossessione, e non credo che questo faccia bene a livello di ambiente“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy