ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Dopo la Barbie Sara Gama diventa un cartone animato

Le parole della capitana di Juventus e Nazionale

Redazione ITASportPress

Sarà Gama è sempre più la rappresentante del movimento calcistico femminile italiano. Oltre alle doti dimostrate in campo, con la maglia della Juventus Women e della Nazionale italiana, la centrale di difesa ha mostrato di poter reggere sulle proprie spalle il peso delle rivendicazioni di un movimento calcistico che per lungo tempo è rimasto ai margini e che solo negli ultimi anni sta faticosamente emergendo. Sara Gama non è solo impegnata sul rettangolo di gioco, recentemente, infatti, è diventata anche vicepresidentessa dell'Associazione Italiana Calciatori.

Tre anni fa, la calciatrice fu selezionata dall'azienda Mattel per diventare il volto di una Barbie, in quanto donna capace di ispirare le giovani ragazze. Oggi, più precisamente a partire dal 19 aprile, Sara Gama diventerà un cartone animato, in onda su Cartoon Network, e si è unita alla campagna lanciata dall'emittente #iosonodiverso. Questo uno stralcio delle sue parole, rilasciate ai taccuini del settimanale Grazia:

"Quando ami quello che fai tutto è spontaneo e arriva alle persone. La diversità è un valore. Diversità e originalità sono ingredienti fondamentali per emergere e per rendere la propria vita una storia unica. Come è successo a me".

Sull'esperienza della Juventus Women: "Quando siamo entrati nel mondo Juventus e dei club professionisti maschili, tanti mi chiamavano al maschile. Serve tempo perché i cambiamenti vengano recepiti. È importante declinare al femminile, è questione di abitudine, perché poi le parole plasmano la realtà. Quindi, se posso scegliere, capitana. le bambine possono sognare di diventare professioniste. Non siamo noi le pioniere del calcio, lo sono state altre donne prima di noi, ma rappresentiamo la svolta. Ogni generazione deve lasciare qualcosa. Facciamo la nostra parte. Quando diventi un cartone capisci di poter lasciare il segno".

 Sara Gama (Getty Images)

Potresti esserti perso