Emerson Palmieri: “Italia? Questo gruppo è una famiglia. Col Chelsea possiamo vincere un trofeo…”

“Giocare all’epoca del Covid non è facile”

di Redazione ITASportPress
Emerson Palmieri

Intervenuto dal ritiro della Nazionale italiana nelle ore di vigilia della sfida contro la Lituania, Emerson Palmieri ha parlato del suo momento in Azzurro ma anche della sua esperienza al Chelsea. Ai microfoni della Rai, l’esterno mancini ex Roma ha esaltato il gruppo dell’Italia di Mancini e si è soffermato sulle ambizioni anche del club di Londra.

Emerson Palmieri: Nazionale e Chelsea

Emerson Palmieri
Emerson Palmieri (getty images)

Sulla squadra italiana: “Qui c’è un gruppo diverso da quelli con cui ho lavorato in passato. Non ho mai lavorato con un gruppo così, è umile. Siamo una famiglia. Lavoriamo duro, abbiamo la gioia di stare insieme e portiamo in campo questa gioia”, ha detto Emerson Palmieri. “La terza sfida di qualificazione contro la Lituania? L’energia resta sempre, al 100%. Siamo un gruppo speciale, di grandi giocatori, siamo già pronti. Rispettiamo la Lituania, ma dovremo entrare in campo per vincere”.

Sulle difficoltà del giocare all’epoca del Covid e sulla concorrenza di Spinazzola: “Non è facile, non solo nel mondo del calcio. Viviamo con viaggi e tamponi, ma poi c’è la soddisfazione di entrare in campo e vincere”. “Concorrenza con Spinazzola? Mi motiva tantissimo, è un grande giocatore, l’ha dimostrato. A me piace lavorare con questi grandi giocatori. Anche al Chelsea è così”.

E proprio sul sui club e sul futuro: “È ancora presto per parlare di futuro. Ho due anni di contratto col Chelsea, per adesso penso alla Nazionale e non ad altro. A giugno si vedrà. Il Chelsea può arrivare in fondo in Champions e in FA Cup. Possiamo sorprendere e vincere qualcosa“.

Emerson Palmieri
Emerson Palmieri (getty images)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy