Europa League, Lazio rimontata e sconfitta dal Celtic: qualificazione appesa a un filo

Europa League, Lazio rimontata e sconfitta dal Celtic: qualificazione appesa a un filo

Lazzari illude Inzaghi, trafitto poi da Christie e Jullien: al Celtic Park finisce 2-1

di Redazione ITASportPress

Italiane senza vittorie nella terza giornata della fase a gironi di Europa League.

Dopo il beffardo 1-1 della Roma contro il Borussia Moenchengladbach, che ha rimontato grazie a un rigore inesistente concesso al 94′, la Lazio torna dal Celtic Park con una sconfitta che mette a serio rischio la qualificazione ai sedicesimi.

La squadra di Inzaghi, che ha cominciato il girone ad handicap perdendo a Cluj, non è infatti riuscita a portarsi al comando del raggruppamento come avrebbe fatto in caso di vittoria, ma lascia la Scozia con molti rimpianti.

Pur scesa in campo priva di diversi titolari, su tutti Immobile, rimasto in panchina fino al 75′ in vista della trasferta di Firenze, la Lazio ha dominato il primo tempo, rischiando solo in un paio di occasioni con tiri di Christie e McGregor, ma faticando a creare occasioni. La prima è bastata per il vantaggio con Lazzari che al 40′ ha finalizzato un contropiede rapidissimo avviato da Caicedo e rifinito da Correa.

I biancocelesti sembrano poter controllare anche la ripresa, ma a metà tempo ecco la svolta: al 20′ Correa si divora il raddoppio a tu per tu con Forster calciando sul palo e due minuti dopo Christie sorprende Strakosha dalla distanza fissando l’1-1.

Inzaghi manda in campo Immobile e il centravanti ha l’occasione per il nuovo vantaggio, ma calcia malamente sul fondo dall’interno dell’area, pochi minuti dopo che Parolo aveva impegnato Foster e allora la Lazio è nuovamente punita: angolo del solito Christie e colpo di testa vincente di Jullien. E al 95′ Forster devia un bolide di Cataldi dal limite.

Con questo risultato la Lazio scivola al terzo posto del girone con 3 punti, contro i 6 del Cluj e i 7 del Celtic.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy