Fabregas, la confessione: “Conte? Gli dissi che per me era impossibile giocare come voleva lui…”

Fabregas, la confessione: “Conte? Gli dissi che per me era impossibile giocare come voleva lui…”

Lo spagnolo ha parlato a Canal Football Club

di Redazione ITASportPress

Dal gennaio 2019, Cesc Fabregas milita in Francia con il Monaco, dopo aver indossato in passato anche le maglie di Arsenal, Barcellona e Chelsea. Della sua carriera il centrocampista spagnolo ha parlato nel corso di un’intervista a Canal Football Club.

CARRIERA – “Ho superato quelle che erano le mie aspettative di quando ero bambino. E’ Dio a darci il talento e a me non me ne ha dato molto dal punto di vista fisico, ma mi ha dato qualcosa nella mia testa che ha funzionato bene. Momenti peggiori? Quando vinci sei il migliore, quando perdi il peggiore: non ci sono vie di mezzo. Sono stato ai livelli più alti per sedici anni, dove devi essere il migliore ogni giorno. Quando perdo mi arrabbio, ma il giorno dopo mi sveglio con la voglia di superare il momento complicato: credo sia stata la mia forza”.

HENRY – “Mi ha aiutato molto quando ero piccolo, c’è affetto tra noi. Mi ha chiamato al Monaco in una situazione difficile ed io potevo aiutarli. Seguirlo al Montreal? Non credo, ho ancora due anni e mezzo di contratto qui e li rispetterò”.

ALLENATORI – “Ho dovuto adattarmi a tipi diversi di tecnici. Wenger e Guardiola sono simili, Mourinho invece aveva un’idea completamente diversa. Quando è arrivato Conte, gli ho detto che per me era impossibile giocare così. Mi sono adattato e ho riniziato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy