Fiorentina, Chiesa: “Futuro? Penso solo al presente. Simpatia per il Milan”

Fiorentina, Chiesa: “Futuro? Penso solo al presente. Simpatia per il Milan”

L’esterno gigliato sogna l’Europeo 2020 con la Nazionale e racconta la vita del figlio d’arte

di Redazione ITASportPress

Federico Chiesa è un ragazzo moderno. Dentro e fuori dal campo. Tecnico e dribblomane, ma anche tanto prezioso nell’economia del gioco della sua Fiorentina, uno dei talenti più fulgidi del calcio italiano è anche studioso (è iscritto a Scienze Motorie dopo aver frequentato l’International School of Florence, istituto bilingue) e ha idee chiare, consapevole che essere un figlio d’arte è un onere più che un onore e consapevole che nel calcio è meglio non promettere nulla.

Ecco allora quanto dichiarato a Walter Veltroni nell’intervista concessa a Il Corriere dello Sport: “Se mi vedo a vita nella Fiorentina? Non lo so, io penso solo all’allenamento, alla partita di domenica, questo è il mio unico pensiero, il mio sguardo è solo sul calendario. Il resto verrà. Di sicuro stiamo facendo un percorso di crescita che ci porterà a raggiungere i risultati che vogliamo”.

Come si vive da figlio d’arte? “Io da bambino ho sempre sognato di fare il calciatore e grazie ai miei genitori e grazie ai sacrifici che ho fatto ho realizzato il mio sogno – ha confessato Chiesa – Appena mio padre mi ha dato un pallone in mano ho subito giocato con i piedi, questione di Dna. Ma, devo essere sincero, il fatto di essere figlio d’arte non mi ha mai veramente interessato. L’ho sempre vissuto bene, non l’ho sentito né come un privilegio particolare né come un peso”.

Confessata una simpatia giovanile per il Milan dei campioni (“Shevchenko era il mio idolo insieme a Kakà”), Chiesa junior guarda ai modelli da imitare a livello internazionale e sogna un futuro in azzurro per l’Europeo 2020: “Mi piace Sané perché ha solo un anno in più di me e vedere un giocatore che a questa età gioca così bene in una squadra come il Manchester City che punta a vincere la Champions League e il campionato è molto bello. L’Italia fuori dal Mondiale? Per tutti è stato un colpo durissimo, ma dobbiamo guardare avanti. Le altre big d’Europa sono forti a livello di Under 21, noi dovremo arrivare agli Europei pronti mentalmente”.

Fiorentina, i sogni del “piccolo” Federico Chiesa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy