Galliani: “Salvini può essere il Savicevic del Pdl, ma non giochi da solo…”

Galliani: “Salvini può essere il Savicevic del Pdl, ma non giochi da solo…”

L’ex amministratore delegato del Milan è candidato per il Pdl al Senato e rivela: “Potevo scendere in campo già nel ’94…”

di Redazione ITASportPress

Chiamiamola pure “l’altra discesa in campo”. Ventiquattro anni dopo Silvio Berlusconi, tocca al suo storico e fidato collaboratore calare la carta della politica. Chiusa la lunghissima parentesi come dirigente del Milan e della Lega Calcio, Adriano Galliani punta a diventare senatore. L’ex ad rossonero è stato infatti candidato per Palazzo Madama da Forza Italia presso il collegio Lombardia 3. Ecco quindi in arrivo per il 4 marzo un’altra domenica di trepidazione, come le migliaia vissute guardando il Milan dalla tribuna.

Ma di esperienza politica Galliani ne ha già…: “Gli anni passati in Lega calcio sono stati un’esperienza politica non da poco, ma se parliamo di politica in senso stretto, una vita fa fui candidato per la Dc a Monza. Era il 1975, fu un’esperienza interessante” ha rivelato Galliani in un’intervista a Il Corriere della Sera.

“Berlusconi mi chiese di candidarmi già nel ‘94, ma l’impegno politico era secondo me incompatibile con quello del Milan. Ora che il Milan non c’è più, è tornato alla carica: io e lui abbiamo condiviso ogni scelta per 31 anni, non c’ho pensato un attimo a dire di sì”.

Come nell’analisi di una lotta scudetto, Galliani è poi entrato nel merito degli avversari della coalizione del centro-destra per vincere la corsa a Palazzo Chigi: “Dei 5 Stelle preoccupa la totale mancanza di esperienza del loro candidato Premier, quanto a Renzi ho apprezzato inizialmente la spinta al rinnovamento e la volontà di tagliare i ponti con un partito ancorato alla vecchia tradizione comunista. Poi però ha dimostrato di essere più uomo di parole che uomo del fare. Gentiloni è avveduto, ma al Paese serve uno choc per far ripartire l’economia. Non possiamo accontentarci di essere il fanalino di coda in Europa”.

E i possibili screzi con Salvini? Chi farà “le formazioni” nella coalizione in caso di vittoria? Galliani avvisa il leader della Lega..: “La legge Severino costringe Berlusconi a stare in tribuna, ma sarà sempre lui a fare le formazioni. Salvini può essere il Savicevic della nostra coalizione: ha grande talento, ma non può pensare di giocare da solo”.

Adriano Galliani e le sue storiche esultanze

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy