Genoa, la rivelazione di Preziosi: “Cassano si era proposto, ma era nella parabola discendente…”

Genoa, la rivelazione di Preziosi: “Cassano si era proposto, ma era nella parabola discendente…”

Il presidente del Grifone ammette per la prima volta di essere stato vicino all’acquisto dell’ex attaccante della Sampdoria

di Redazione ITASportPress
Preziosi Genoa

Dell’affare che avrebbe potuto portare Antonio Cassano al Genoa si è parlato a lungo, senza che mai la trattativa, clamorosa per il lungo passato dell’ex attaccante barese alla Sampdoria, riuscisse mai a decollare.

Ciò che non si è mai saputo è se le negoziazioni siano davvero mai cominciate. Una risposta in tal senso la fornisce Enrico Preziosi, presidente del Grifone che, in un’intervista al Corriere dello Sport, ha rivelato la candidatura di Cassano: “Sì. S’era messo a lustro per venire da noi, ma poi è entrato in un loop di scelte confuse, tipiche di un uomo nella parabola discendente. Quando stava bene, faceva la differenza. L’avrei preso, ma il passato sampdoriano non aiutava. Pilatescamente gli dissi di fare quattro chiacchiere con Juric, che non volle incontrarlo”.

Chissà cosa ne penserà il popolo blucerchiato… Intanto che c’è, Preziosi svela di aver pensato in passato ad acquistare il Napoli: “Ho cercato anche di prenderlo quando c’era Naldi, ma non ce l’ho fatta. De Laurentiis sta facendo cose egregie e anche lui come me non è proprio amato dalla propria tifoseria”.

Infine, un riferimento all’ennesimo ribaltone in panchina con l’avvento di Prandelli al posto di Juric: “Il mio errore non è stato mandare via Ballardini, ma richiamare Juric. Io dico sempre meglio un generale fortunato che bravo e Juric non è fortunato, le cose gli girano sempre contro. Prandelli? Lui non sarà mai contestato. Deve solo rimettere a posto la squadra, con due o tre innesti che farò a gennaio, a centrocampo, a sinistra dove abbiamo perduto Laxalt e un portiere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy