Genoa, Sturaro sbotta: “Io fragile? Mi faccio male perché non tolgo mai la gamba…”

Genoa, Sturaro sbotta: “Io fragile? Mi faccio male perché non tolgo mai la gamba…”

“Vorrei chiarire che ci sono giocatori e giocatori…”

di Redazione ITASportPress

Vede i primi spiragli di luce Stefano Sturaro dopo l’infortunio al ginocchio. Al termine del passato campionato, il centrocampista del Genoa si era sottoposto alla ricostruzione artroscopica del legamento crociato anteriore del ginocchio destro con tendine rotuleo, un problema fisico piuttosto grave che lo ha tenuto fuori dal campo per diverso tempo.

Ora le cose vanno meglio ed è lo stesso giocatore a voler parlare del suo stato fisico e togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Intervastato da Il Secolo XIX, il classe ’93 ha voluto fare chiarezza.

RECUPERO – “Sono nei tempi prestabiliti per infortuni gravi come questo che di norma prevedono 5-6 mesi per tornare in campo. Vado domani (oggi) a Roma dal professor Mariani che mi ha operato per vedere cosa dice. Il problema non è allenarsi da soli ma perdere la preparazione estiva che è la cosa più importante dell’anno. E poi per un infortunato. Comunque penso che mi aggregherò nella parte del ritiro in Francia”.

NON CI STA – “Quando tornerò in campo? Vediamo cosa dice il professor Mariani. Spero settembre-ottobre, quel periodo lì. Una cosa però terrei a chiarirla a tutti quelli che in questi anni mi hanno definito fragile, delicato o cose simili. Vorrei chiarire che ci sono giocatori e giocatori. E che io sono uno di quelli che non si è mai fatto male da solo, neppure una volta. Ho sempre avuto infortuni di tipo traumatico. In pratica sono uno che dando sempre tutto e non tirando mai indietro la gamba rischia sempre e spesso paga le conseguenze. Vorrei trovarmi di fronte a chi dice sta cosa e che chiedeste a qualsiasi allenatore se preferisce avere uno che la leva la gamba o non la leva mai come me. Fine dello sfogo, ci tenevo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy