Gilardino: “Simoni per me come un padre. Il mio futuro? Aspetto la chiamata giusta”

Gilardino: “Simoni per me come un padre. Il mio futuro? Aspetto la chiamata giusta”

L’ex attaccante ha parlato del suo ex mister, della sua carriera e del prossimo campionato di A

di Redazione ITASportPress

Da tempo è associato a varie panchine, ma Alberto Gilardino sta aspettando la chiamata che riterrà più stuzzicante per il suo futuro. Di questo e della Serie A ha parlato l’ex attaccante a Sky Sport, ma il primo pensiero va a Gigi Simoni, colto oggi da un malore nella sua abitazione in provincia di Pisa, che lo ha fatto esordire in massima serie nel 2000: “Per me è come un secondo padre, il 6 gennaio del 2000 ho debuttato in A ed il merito è suo. Mi auguro non sia nulla di grave, mi ha insegnato tanto e ha sempre trasmesso serenità e personalità”. Sulla sua prossima avventura in panchina: “La gavetta è essenziale, ancora più che da giocatore. L’esperienza al Rezzato mi è servita e ora sto attendendo di ripartire, con voglia ed entusiasmo. Voglio mettere in pratica quello che ho studiato e ciò che ho appreso da calciatore”.

Sul campionato di Serie A che verrà: “Mi aspetto un Milan diverso, ma sarà interessante capire anche come sarà la nuova Juventus e la nuova Inter. Sarà una stagione molto competitiva, ci sono tanti allenatori che insegnano calcio molto bene e in modo diverso l’uno dall’altro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy