Gosens: “Sogno la Bundesliga. Magari lo Schalke”

Gosens: “Sogno la Bundesliga. Magari lo Schalke”

L’atalantino si confessa in ottica futura

di Redazione ITASportPress
Gosens

Robin Gosens ha un sogno: andare a giocare in Bundesliga. L’esterno dell’Atalanta ha più volte espresso il proprio desiderio e la propria ambizione per il futuro e lo ha ribadito ancora ai microfoni dell’emittente ZDF specificando anche in quale squadra.

Gosens e lo Schalke 04

Gosens
Gosens Atalanta (getty images)

Ha le idee chiare il calciatore nerazzurro riguardo al suo futuro. Il classe 1994, che sta facendo molto bene in maglia Atalanta, non chiude le porte alla Bundesliga. Anzi. Vorrebbe approdare in Germania nel campionato nel quale sogna di giocare da sempre: “Per me sarebbe un sogno. Anzi è il mio sogno giocare in Bundesliga”, ha detto l’esterno bergamasco. “Magari non è una cosa che accadrà adesso, ma farlo con la maglia dello Schalke 04 è un mio sogno d’infanzia”.

Mercato: il costo del cartellino

Gosens
Gosens (getty images)

Le parole dell’atalantino fanno capire come il suo futuro potrebbe essere altrove, ma da canto suo la Dea non ha alcuna intenzione e neppure necessità di privarsi di lui. L’esterno potrebbe arrivare a portare almeno 30 milioni di euro. La società di Percassi, forte delle spiccate doti offensive del calciatore, sa bene di potersi spingere su certe cifre e non abbasserà le sue rischiete. Difficile, però, che la squadra tanto desiderata da Gosens, lo Schalke 04 possa arrivare a spendere quella cifra in questo momento. Quindi, ad oggi, il sogno dell’atalanta resterà tale.  Magari, prima di passare in Bundesliga, per il nerazzurro ci saranno altre esperienze.

Ripresa campionato

Nelle scorse ore anche il portiere dell’Atalanta Gollini aveva parlato di futuro, anche se più immediato con la ripresa del campionato: “Giusto riprendere? Dipende. Ci sono talmente tante cose delle quali non siamo nemmeno al corrente. Penso sia difficile fare un’analisi. Se il calcio può dare da mangiare alle persone e ripartire ok, ma ci sono anche persone che rischiano la salute e la vita, come le persone anziane. Ad ogni modo per me sarà un altro campionato, sarà difficile ripartire“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy