ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

A 360°

Gravina: “A lavoro per aprire a tifosi alla prima di Serie A. Su Italia, Superlega e playoff…”

Gravina (getty images)

"Il lavoro di Mancini rappresenta fiore all’occhiello per la nostra Federazione. Esclusione Juventus da campionato? Per stare insieme ci deve essere il rispetto delle regole"

Redazione ITASportPress

Il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha parlato ai microfoni di AS del futuro del calcio italiano, ma si è anche soffermato sull'avventura azzurra ad Euro 2020 e sugli strascichi dell'affair Superlega con possibili sanzioni in arrivo per i club che ancora ne fanno parte.

EURO 2020 - "Il pubblico? È un segnale di ritorno alla normalità. Nonostante le difficoltà e le limitazioni, abbiamo voluto fortemente mantenere questo impegno, trasformandolo in un messaggio di speranza per tutto il Paese. Siamo orgogliosi di presentarci all’Europa e al mondo con Roma come palcoscenico straordinario", ha detto Gravina. "Può essere incoraggiante verso il prossimo campionato? Stiamo lavorando per riaprire gli stadi dalla prima giornata del prossimo campionato. Il calcio senza tifosi perde la sua anima, sono una componente fondamentale di partecipazione e di condivisione: la passione va alimentata giorno dopo giorno, partita dopo partita".

ITALIA - "Il lavoro di Mancini e di tutto il Club Italia rappresenta il fiore all’occhiello per la nostra Federazione e un punto di riferimento per tutto il calcio italiano. Abbiamo riavvicinato i tifosi all’azzurro e con il prolungamento del contratto del CT al 2026 siamo sicuri di poter concorrere presto ad un successo internazionale di grande prestigio che manca da diverso tempo". "Dopo Euro 2020 candidatura per Euro 2028? La FIGC si è posta come obiettivo la candidatura ad ospitare un futuro grande evento. Abbiamo le competenze e la voglia di metterci alla prova, studieremo bene tutte le possibilità per non far aspettare all’Italia altri 30 anni".

SERIE A E NON SOLO - "Ridurre squadre per rendere maggiormente competitivi i campionati e fare i playoff? Sono un sostenitore dei playoff, ma è riduttivo parlare solo di questo cambio di format. La riforma del sistema deve puntare prima di tutto alla sostenibilità e poi a rendere più accattivante il prodotto". Sulla Superlega: "Come si riavvicinano i giovani al calcio? Offrendo loro maggiori occasioni di partecipazione, proponendo loro un’immagine del nostro sport meno patinata e più alla portata di tutti. Dobbiamo creare sempre nuove opportunità per avvicinare i più piccoli al gioco del calcio: i praticanti restano fidelizzati a lungo, se li percepiamo solo come dei consumatori potremmo essere penalizzati dalla concorrenza di altre forme di spettacolo. Esclusione della Juventus dalla A? Io mi auguro che ciò non avvenga, aspettiamo quale sarà la decisione degli organi competenti. Una cosa è certa, per stare insieme ci deve essere il rispetto delle regole che liberamente ci siamo dati sia negli organismi internazionali che in quelli nazionali".

 Gravina (Getty Images)
tutte le notizie di