Grifo si racconta: “Da piccolo tifavo Inter. Il mio segreto per calciare i rigori…”

Il calciatore grande protagonista in Bundesliga col Friburgo

di Redazione ITASportPress
Grifo

Vincenzo Grifo, giocatore del Friburgo e della Nazionale italiana, è stato protagonista della nuova puntata del format ’15 secondi con…’ diventato ormai appuntamento famoso di Cronache di Spogliatoio. Il classe 1993 ha risposto a 5 domande, ognuna nel tempo di una Instagram stories, raccontando se stesso e la vita dentro al campo dopo un inizio di stagione davvero al top secondo solo aLewandowski, Müller e Haaland per somma di gol e assist in Bundesliga.

Grifo: infanzia, campionato tedesco e segreti

Grifo Italia
Grifo (Getty Images)

“Un cross per Lewandowski o per Haaland? Scelgo Lewa perché per me è il miglior attaccante che esista al mondo. Voglio dare fiducia a lui”, ha detto Grifo. “Chi vorrei sempre con me della Nazionale? Giorgio Chiellini, un grande capitano. Sa come motivarti, è una grande persona e uno dei migliori difensori. Il giocatore della Bundesliga che mi ha impressionato di più? Uno dei migliori calciatori era Arjen Robben. Ha una grande mentalità, una grande disciplina. Faceva sempre le stesse finte ma non lo potevi fermare perché era troppo veloce”.

Infine uno sguardo al passato e al suo segreto per essere infallibile dal dischetto: “La squadra italiana preferita da piccolo? In Italia era l’Inter perché mio nonno mi regalò una felpa di Roberto Baggio, quando vestiva la 10 dell’Inter, e così sono diventato tifoso. Che rigorista sono? Decido sempre prima dove calciare perché mi sento più sicuro così. Da piccolo li calciavo sempre in questo modo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy