Il Belgio avvisa il Real Madrid: “Se vogliono Martinez parlino con noi”

Il portavoce della Federazione apre alla possibilità di liberare il ct, obiettivo dei ‘Blancos’ per il dopo-Lopetegui

di Redazione ITASportPress

Quattro mesi dopo, il Real Madrid è tornato… a caccia. La ricerca di un nuovo allenatore, iniziata a fine maggio dopo le dimissioni improvvise di Zinedine Zidane e terminata due giorni prima del Mondiale di Russia con l’ingaggio di Julen Lopetegui, riparte dopo l’esonero dell’ex ct della Spagna, che ha vissuto due mesi e mezzo da incubo sulla panchina dei campioni d’Europa.

Ma esattamente come prima, Florentino Perez sembra deciso ad andare a prendere un tecnico già occupato, anche perché uno dei pochi liberi su piazza, Antonio Conte, ha declinato l’invito una volta capito di non essere gradito allo spogliatoio.

Così, una volta concluso l’interim di Santiago Solari, l’idea è quella di puntare su uno spagnolo doc come Roberto Martinez, attualmente ct del Belgio, che sotto la gestione dell’ex allenatore di Wigan ed Everton è volato al primo posto del ranking Fifa dopo aver chiuso il Mondiale al terzo posto, miglior piazzamento di sempre nella storia dei Diavoli Rossi.

Peccato che Martinez sia sotto contratto fino al 2020… Come era sotto contratto Lopetegui con la Federazione spagnola e pure Mauricio Pochettino del Tottenham, contattato a inizio estate.

Perez però fa spallucce e punta al bersaglio grosso. La notizia è che dal Belgio non è arrivata una chiusura, bensì un avviso…: “Clausola per liberarsi? Non parliamo pubblicamente di questioni legate ai rapporti di lavoro con i nostri collaboratori, ma se il Real Madrid fosse interessato dovrebbe prima raggiungere un accordo con noi” ha dichiarato Stefan Van Loock, portavoce della Federazione belga, all’agenzia Efe.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy