Juventus, Benatia: “Higuain? Segna meno, ma qui può vincere…”

Il difensore marocchino è uno dei protagonisti della stagione dei bianconeri e lancia una frecciata al Napoli…

di Redazione ITASportPress

Ormai è un punto fisso per la difesa della Juventus. Alla seconda stagione in bianconero, Mehdi Benatia ha conquistato tutti, critica e tifosi, dopo aver conquistato la società, che lo ha riscattato in estate nonostante una prima stagione in bianconero con alti e bassi e tanti infortuni. Ma soprattutto il capitano del Marocco ha conquistato Max Allegri, che ormai gli assegna una maglia da titolare di default al fianco di Chiellini.

Intervistato da Sky Sport, Benatia ha parlato da leader riguardo a cosa sia cambiato nella squadra dopo i primi tre mesi di stagione: “Era un problema di atteggiamento dopo che l’anno scorso abbiamo fatto una stagione spettacolare vincendo quasi tutto e perdendo solo la finale di Champions. Dopo è sempre più difficile ripartire e questo lo vediamo anche quest’anno con il Real Madrid per esempio. Loro hanno vinto tutto e fanno fatica a ripartire perché magari c’è meno voglia di sudare insieme, c’è meno voglia di fare fatica. Poi in un campionato come quello italiano non ti puoi permettere di difendere solo con quattro o cinque giocatori. Dovevamo tornare ad avere il nostro atteggiamento di squadra e il mister ha saputo trovare le parole giuste per far sì che la nostra squadra tornasse ad essere forte come lo è sempre stata”.

Benatia ha poi parlato del momento di Gonzalo Higuain, meno performante in zona gol, ma utilissimo per la squadra. E non manca la stoccata al Napoli…: “In Europa non ci sono giocatori come lui che lavorano così tanto per la squadra, sta facendo tanto per noi, non importa che segni meno. Gonzalo ha capito che alla Juve magari potrà fare 20 gol e non 36, ma vincere”.

Una parola anche sul giocatore del momento della rosa bianconera, quello capace di far (quasi) dimenticare Gigi Buffon…: “Szczesny come tutti i portieri è un po’ matto, questo sì. Però è molto bravo. È un portiere moderno, perché molto bravo anche con i piedi e poi penso che il fatto di essere arrivato alla Juve essendo al fianco di Gigi Buffon lo aiuta molto, perché lavorare con il numero uno al mondo non è poco. Hanno anche un bellissimo rapporto fuori dal campo e questo lo aiuta a crescere. Credo che nel momento in cui Gigi deciderà di smettere potrà far vedere a tutti che è veramente un grande portiere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy