Juventus, possibile grana: cessione di Han avrebbe violato le norme ONU

La vendita del giocatore in Qatar all’Al-Duahil potrebbe portare dei problemi in casa bianconera

di Redazione ITASportPress
Han

In Italia si era messo in evidenza con le maglie di Perugia e Cagliari, ma poi, tornato alla base, alla Juventus, Han Kwang-Son non era riuscito a spiccare il volo, neppure nella squadra U-23. Ecco perché, alcuni mesi fa, la società torinese aveva deciso di cederlo in Qatar all’Al-Duhail. Una cessione che, adesso, potrebbe costare molto cara. Come riporta L’Equipe, tale operazione sarebbe stato oggetto di analisi da parte dell’ONU che avrebbe annunciato che l’affare avrebbe violato le norme internazionali.

Juventus, il caso Han

Han (getty images)

Da quanto si apprende, il tutto sarebbe dovuto alle tempistiche dell’affare. La Juventus potrebbe aver violato le regole sulle sanzioni internazionali contro la Corea del Nord cedendo a gennaio l’attaccante nord coreano Han Kwang-Song alla società Al-Duhal. Questa operazione sarebbe stata citata in un rapporto del Consiglio di sicurezza dell’ONU come un caso di violazione delle sanzioni contro la Corea del Nord attivate perché il Paese asiatico non ha rinunciato al suo programma nucleare.

Il trasferimento contravviene alle risoluzioni che proibiscono ai nordcoreani di lavorare all’estero. Il Consiglio avrebbe immediatamente avvertito e contattato l’Italia per il trasferimento di Han che però non è stato di fatto annullato. L’ONU aveva chiesto agli Stati membri di presentare i loro rapporti sulle misure di espulsione dei nordcoreani entro il dicembre 2019 ma il trasferimento di Han è avvenuto a gennaio, oltre la data prevista.

L’EX DIAVOLITA COLPISCE IL WEB

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy