Kean si racconta: “Cristiano Ronaldo mi ha aiutato tanto. I due avversari più forti Neymar e Di Maria”

Kean si racconta: “Cristiano Ronaldo mi ha aiutato tanto. I due avversari più forti Neymar e Di Maria”

L’attaccante dell’Everton si racconta dopo la prima annata in Premier League

di Redazione ITASportPress
Kean Everton

Moise Kean si racconta e lo fa ai canali ufficiali dell’Everton. L’attaccante ex Juventus ha vissuto la sua prima stagione all’estero, in Premier League. Tra alti e bassi, il giovane bomber ha terminato l’annata in crescendo e spera che la prossima stagione possa essere migliore. Il classe 2000 ha parlato di chi è stato importante per la sua crescita facendo riferimento soprattutto al suo passato italiano in maglia bianconera.

Kean: “Cristiano Ronaldo mi ha aiutato tanto. Che emozione il primo gol”

Kean
Kean (getty images)

“Tutti sanno come sia un giocatore incredibile”, ha detto Kean parlando di Cristiano Ronaldo. “Lui è il migliore ma devi anche guardare la persona che è fuori dal campo ed è una brava persona. Mi ha aiutato tanto quando ero alla Juventus”, ha detto l’attaccante ricordando itempi alla Juventus. E ancora: “Chi sono stati i giocatori avversari più forti che ho affrontato? Ce ne sono due in particolare: Neymar e Angel Di Maria. Mi sono imbattuto in loro quando la Juventus ha giocato contro il Psg e sono entrambi giocatori fantastici”.

Dai compagni e avversari, alle vicende personali. “Qualche momento speciale? Beh sicuramente il primo gol che ho segnato con la Juventus. Ero contro il Bologna fuiori casa. Ma anche la prima rete con la maglia dell’Everton, nella sfida contro il Newcastle. Devo dire che sono stato molto bene in quel momento. Mi è piaciuto molto festeggiare con i fan dell’Everton con i quali ho un ottimo rapporto”. Ed extra calcio, Kean racconta i suoi hobby: “Guardo molta NFL e NBA. Nel football americano, mi piace Odell Beckham Jr. Nel basket, sono un grande fan di LeBron James”.


0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy