Mirko non ce l’ha fatta: morto a 25 anni il calciatore della Telmar. Anche il Vicenza si era mosso per lui

Lo sfortunato centrocampista è morto questa sera dopo 20 giorni in coma

di Redazione ITASportPress

Ancora un giovanissimo calciatore è stato strappato alla vita nel pieno dell’attività sportiva e addirittura mentre si allenava. Mirko Pellizzer è morto questa sera dopo 20 giorni in ospedale per una grave forma di ictus che l’aveva colpito poco prima dell’allenamento. Il centrocampista della Telemar San Paolo Ariston aveva 25 anni e si era sentito male intorno le 20.30 mentre si stava allenando con i compagni sul campo di via Gagliardotti. Il giovane ha accusato un malore improvviso. Immediati, insieme alla chiamata al 118, sono scattati i primi soccorsi da parte di staff e compagni. Trasportato d’urgenza al San Bortolo di Vicenza, il giovane è stato sottoposto a Tac e poi operato. Stasera purtroppo è arrivato il decesso confermato anche dal club vicentino con un post su Facebook:

«Con infinita tristezza, comunichiamo che oggi Mirko alle 18.30 è venuto a mancare. Era ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Vicenza dalla sera del 24 gennaio. Sono stati 20 giorni di speranza, di angoscia, di paura, di notti in bianco, di tanta vicinanza a mamma Manuela, papà Eliseo, ai fratelli Luca e Stefano. Una grande famiglia che con dignità, ha saputo affrontare la più alta e difficile sfida che la vita possa presentare. Mirko non ha perso – scrive ancora la società – Mirko e’ stato circondato, sempre, da tanto affetto e calore. Straordinario ed incredibile. Ha percepito quell’incessante via vai di persone, che giorno dopo giorno, in silenzio, lo hanno sostenuto. E hanno pregato per lui. Mirko da oggi avrà un posto speciale nel nostro cuore, sarà un esempio di coraggio. Mirko continuerà a vivere in ognuno di noi». Oltre a ringraziare tutto il personale della rianimazione, la società si stringe con grande affetto attorno alla famiglia.

Tutto il calcio vicentino si era mosso a sostegno dello sfortunato ragazzo come riporta il sito del Giornale di Vicenza.  I suoi compagni sono scesi in campo con una maglia a lui dedicata con la scritta “Forza Mirko”, mentre molti giocatori di tutta la provincia, a cominciare da quelli del L.R. Vicenza, si sono presentati in campo con una “V” verde dipinta sui volti in segno di speranza. Tanti anche gli striscioni comparsi in tutti i campi, compresa la curva Sud del Menti. L’iniziativa lanciata in settimana dal Junior Monticello – la formazione contro la quale il San Paolo avrebbe dovuto giocare la gara rinviata domenica scorsa – si è infatti estesa a macchia d’olio, con un’adesione amplissima, da parte di circa 150 società di tutte le categorie.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy