Monza, Galliani sorride a metà: “Importante vincere in Coppa. Covid? Condizionerà campionato e tutto sistema”

L’ad del club brianzolo dopo il successo in Coppa Italia: “Abbiamo una squadra formidabile e un buonissimo allenatore, faremo una bella stagione”

di Redazione ITASportPress
Galliani

Torna a vincere il Monza dopo i risultati non esaltanti in campionato. Il club brianzolo riesce ad avere la meglio nel terzo turno di Coppa Italia contro il Pordenone. Parlando a Binario Sport, l’Ad del Monza Adriano Galliani ha commentato il momento dei suoi con riferimento alla difficile situazione dell’intero sistema calcio in relazione all’emergenza coronavirus.

Monza, Galliani: “Una vittoria che ci fa girare. Covid momento difficile per tutti”

Monza (Getty Images)

“Questa vittoria ci fa girare, era importante, è arrivata in un momento decisivo, nonostante le emergenze: due mediani schierati come terzini, un ragazzo della Primavera come punta, ma mister Brocchi ha fatto molte scelte ragionate sia per il campionato che per la situazione Covid-19 che ancora viviamo”, ha detto Galliani che poi sul proseguimento della stagione si è rivelato essere molto fiducioso. “Lo dico a tutti i tifosi: stiamo sereni e tranquilli, abbiamo una squadra formidabile e un buonissimo allenatore, faremo una bella stagione. Ci sono 38 gare da giocare, ho sfiorato la Serie A tante volte e dico che i nostri ragazzi sono fortissimi”. E ancora: “Dateci tempo di avere tutti a disposizione, torneremo in alto alla classifica”.

Sull’emergenza sanitaria, il dirigente ha poi aggiunto: “Tutti stiamo facendo il massimo per cercare di andare avanti nella stagione e chiudere nei tempi previsti, ma chiaramente questo torneo sarà condizionato dal virus. Noi siamo stati falcidiati dalle assenze, e altre squadre vivranno i nostri problemi: è un campionato già anomalo per l’assenza di pubblico, in più ci mettiamo le defezioni causate dal coronavirus. Penso ad esempio alla Reggiana: avesse giocato contro di noi avrei chiesto anche io il rinvio del match, serve lealtà sportiva. Non è colpa della Reggiana se non ha 13 giocatori. So che scatenerò polemica, ma ci sono comportamenti che non fanno onore a tanti presidenti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy