Napoli, Hamsik: “Chiudo qui la carriera. Sarri mi ha cambiato. Scudetto? Chi ama il calcio…”

“De Laurentiis? Rapporto personale che mi viene da definire speciale”

di Redazione ITASportPress

Lunga intervista rilasciata da Marek Hamsik, capitano del Napoli, ai taccuini del Corriere dello Sport; ecco un estratto di quanto dichiarato dal centrocampista slovacco:

SCELTA – “Scelsi Napoli quando avevo vent’anni, ero ancora un ragazzino e non mi sono mai pentito, neanche all’arrivo, quando un gruppo di tifosi contestava la società per il mercato. Lo scoprii dai giornali, non li avevo neanche sentiti. Qui sono felice io e lo sono anche i miei familiari perché mi hanno fatto sentire a casa, in ogni momento. Perché la città è bella e la gente è calorosa. Quando sono stato tentato da Juventus e Milan, non ho mai vacillato: un po’ non mi sentivo pronto, un po’ non volevo andar via. Professionalmente ed umanamente mi sento realizzato e credo, anche se il calcio non spinge a previsioni, che la mia carriera finirà qua”.

DE LAURENTIIS – “Un rapporto personale che mi viene da definire speciale. Non so quanti calciatori possono godere del privilegio che ho io: confrontarsi direttamente, senza filtri e senza condizionamenti, con il proprio presidente. Le discussioni non sono mancate, ma sempre nel rispetto reciproco e il mio percorso qua a Napoli è la conferma di una stima che si è radicata”.

SARRI – “Ho ricevuto da chiunque, chiaramente in maniera diversa. Sono grato a tutti, ma penso che Sarri abbia contribuito in maniera decisiva al mio cambiamento. E fa niente che mi sostituisca quasi sempre…”.

SCUDETTO – “E’ la speranza, la mia, quella dei tifosi, di De Laurentiis e dei compagni di squadra. E credo sia anche l’augurio di chi ama il calcio, perché giochiamo in maniera meravigliosamente bella e penso che meritiamo di vincerlo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy