Napoli, l’ex P. Cannavaro: “Scudetto possibile, ora o mai più. Politano voleva venire, ma il Sassuolo…”

L’illustre doppio ex parla a pochi giorni dalla sfida del Mapei Stadium tra gli emiliani e gli azzurri

di Redazione ITASportPress

Sassuolo-Napoli è la “sua” partita e non solo, dato che pure Maurizio Sarri lega alla squadra neroverde un ricordo particolare, quello del debutto in campionato sulla panchina azzurra.

Ma il doppio ex Paolo Cannavaro, ora in Cina come assistente del fratello Fabio, allenatore del Guangzhou Evergrande, è sicuramente il personaggio della gara in programma sabato 31 marzo al Mapei Stadium alle ore 18, gara che, se vinta, potrà restituire al Napoli il primo posto, almeno per qualche ora, in attesa di Juventus-Milan: “Non faccio pronostici, Sassuolo e Napoli sono le due squadre che hanno segnato la mia carriera, anche se mi sarebbe piaciuto chiudere la carriera in azzurro, ma evidentemente era destino: mi sono trasferito in una squadra che era simpatica a tutti, non ho ferito nessuno” ha detto Cannavaro a La Gazzetta dello Sport, prima di parlare della stagione azzurra:

“Il Napoli non deve nascondersi, lo scudetto si può vincere: se non succederà quest’anno se ne riparlerà tra un bel po’, perché molti giocatori sono logori e a fine stagione se ne andranno. Purtroppo però se così sarà alla festa del 20 maggio non potrò essere presente, perché sarò in Cina”

Napoli e Sassuolo però sono state protagoniste del mercato di gennaio per la trattativa che avrebbe dovuto portare Matteo Politano a indossare la maglia azzurra. Non sono mancate le schermaglie tra i due club, dovute alle frecciate del presidente De Laurentiis, che ha accusato il Sassuolo di essere troppo “vicino” alla Juventus. Cannavaro non ha vissuto quei momenti perché ha salutato l’Italia per trasferirsi in Cina proprio a fine dicembre, ma non si sbilancia: “Matteo voleva venire al Napoli per fare il salto di qualità, ma pure la società aveva le proprie ragioni. Spiccherà il volo a fine stagione, come farà Berardi”. Magari lui sì, in direzione Napoli.

Paolo Cannavaro saluta l’Italia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy