Italia, Mancini: “Contenti del percorso, un anno fa eravamo in difficoltà. Su Balotelli…”

Italia, Mancini: “Contenti del percorso, un anno fa eravamo in difficoltà. Su Balotelli…”

Il tecnico in vista delle nuove partite di qualificazione a Euro2020

di Redazione ITASportPress

Italia sempre più vicina alla qualificazione aritmetica ad Euro2020. All’Olimpico contro la Grecia, sabato sera, gli azzurri possono già staccare il pass per la fase finale della competizione. Ecco le parole in conferenza stampa da parte di Roberto Mancini: “I ragazzi sono migliorati, gli allenatori stanno puntando su di loro nei vari campionati e possono avere un futuro importante. De Rossi verrà convocato ancora? La valutazione è stata fatta con Buffon per la gara di Torino con l’Olanda, ci faceva piacere dare a giocatori fondamentali un’altra occasione per salutare i tifosi. Lo abbiamo fatto anche con lui, ma è infortunato, non ha giocato le ultime gare per cui vedremo se più avanti ci sarà possibilità”.

Il c.t. ha confermato le assenze di Sensi (infortunato) e Florenzi (influenzato): “Vediamo domani se e come sostituirli, a destra abbiamo chiamato un uomo in più, Di Lorenzo, perché se lo merita. A centrocampo valutiamo, sicuramente richiamiamo Tonali dopo la prima gara che giocherà con l’Under 21. Era già fissato, poi non so se chiameremo qualcun altro. Lo faremo solo se vi saranno altri imprevisti”.

Su Insigne, Bernardeschi e… Martinelli dell’Arsenal: “I giocatori di Napoli e Juventus sono fondamentali, speriamo che in campionato continuino a giocare. Su Martinelli non è così facile fare richiesta per giocare con l’Italia, serve aspettare per i giocatori con doppio passaporto (è metà brasiliano, ndr)”.

Sull’attacco, l’alternanza fra Belotti e Immobile e Mario Balotelli: “Si, proseguiremo a scambiare Immobile con Belotti, è giusto far riposare uno e far giocare l’altro. Su Mario devo dire che fisicamente non stava benissimo, rientrava dopo mesi: a Napoli è andato meglio, ma ha bisogno di giocare più partite. Comunque sì, ci ho parlato”.

Sulla qualificazione che potrebbe arrivare con largo anticipo: “Un anno fa eravamo in grande difficoltà, ora abbiamo messo insieme una squadra buona in quindici mesi. Siamo contenti di dove siamo, poi ognuno può dire ciò che vuole… Volevo un gruppo con Germania, Francia, Spagna e Olanda ma non ce l’hanno dato (sorride, ndr)”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy