Il premio

Italia, Mancini: “È stato un anno meraviglioso, speriamo che il 2022 sia meglio del 2021”

Italia Mancini Museo Coverciano (getty images)

l Ct ha ricevuto il prestigioso riconoscimento in occasione della tradizionale cerimonia dei Collari d’Oro. Il premier Draghi ai premiati: “Siete entrati nella storia e avete portato con voi tutto il Paese”

Redazione ITASportPress

Si chiude con un prestigioso riconoscimento il 2021 da favola di Roberto Mancini, che questa mattina ha ricevuto la Palma d’Oro al merito tecnico cinque mesi per aver riportato la Nazionale sul tetto d’Europa. Il Ct è stato premiato nella Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica ‘Ennio Morricone’ a Roma in occasione della tradizionale cerimonia dei Collari d’Oro, la massima onorificenza dello sport italiano.

All’evento, a cui ha partecipato anche il presidente della FIGC Gabriele Gravina, sono intervenuti il presidente del Consiglio Mario Draghi, il sottosegretario con Delega allo Sport Valentina Vezzali, il presidente del CONI Giovanni Malagò e il presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli. La cerimonia ha rappresentato una passerella d’onore per le campionesse e i fuoriclasse che hanno reso indimenticabile il 2021 dello sport italiano, nobilitato dalle medaglie conquistate dagli atleti azzurri nei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo e dai tanti successi ottenuti negli sport di squadra.

“Sono certo che per voi, come per tutti i campioni – le parole di Draghi - i trionfi non bastino mai. Dobbiamo però saper apprezzare le vittorie quando avvengono. I tifosi, me compreso, le ricordano tutte. La nazionale di calcio maschile, tornata vincente dagli Europei. Le nazionali di pallavolo femminile e maschile, anche loro campioni d'Europa. Le quaranta medaglie alle Olimpiadi e le sessantanove alle Paralimpiadi, mai così tante. Le rimonte in curva, gli abbracci a fine gara, i rigori segnati e parati. Con il tricolore che accompagnava ogni vostra esultanza e celebrazione. Siete entrati nella storia, e avete portato con voi tutto il Paese. Ve ne siamo grati e siamo grati ai vostri allenatori, alle vostre società, ai vostri cari”.

“Sono stati bravi i ragazzi – ha dichiarato Mancini tornando sul trionfo di Wembley – abbiamo creato un bel gruppo e il gruppo è alla base delle vittorie di squadra. Nello sport poi ci vuole anche un po' di fortuna, ma c’è stata un'alchimia immediata. Voglio complimentarmi con tutti gli atleti, che sono stati bravissimi. È stato un anno meraviglioso, speriamo che il 2022 sia meglio del 2021”. Non è mancata una battuta sui play off Mondiali che a marzo attendono la Nazionale: “L'Europeo è stato troppo facile, ci voleva un po' di sofferenza”.

 (Getty Images)
tutte le notizie di