Italia Under 21, i portieri Montipò, Meret e Audero all’unisono: “Sarà una grande esperienza”

Italia Under 21, i portieri Montipò, Meret e Audero all’unisono: “Sarà una grande esperienza”

I tre sono intervenuti in conferenza stampa a 3 giorni dal debutto nell’Europeo con la Spagna

di Redazione ITASportPress

Manca sempre meno all’inizio dell’avventura dell’Italia Under 21 del c.t. Luigi Di Biagio nell’Europeo di categoria, che si disputerà nel nostro Paese e a San Marino. Domenica la squadra debutterà allo Stadio Dall’Ara di Bologna contro la Spagna, inserita nel girone degli azzurrini insieme a Belgio e Polonia. In conferenza stampa hanno parlato i portieri del gruppo: Meret, Audero e Montipò.

Le parole di Alex Meret, estremo difensore del Napoli: “Viviamo bene il ballottaggio fra di noi, siamo un bel gruppo e chiunque giocherà darà tutto. Si lavora sempre pensando di giocare, quindi non avere un titolare è uno stimolo in più. Sceglierà il mister, com’è giusto che sia. La prima partita è fondamentale per indirizzare tutto il girone, ci arriviamo consapevoli della nostra forza. La Spagna è di qualità ed è fra le favorite, ma noi avremo il pubblico a sostegno e ci contiamo. Finale a Udine? Sarebbe un sogno giocarla, lì nella mia città natale. Non so se senza gli infortuni sarei da tempo portiere della Nazionale maggiore, so solo che ora cerco continuità. Sono contento di aver giocato anche in Champions quest’anno, sono sfide che ti preparano bene a tornei come questo”.

Le parole di Emil Audero, portiere della Sampdoria: “Tra di noi c’è un ottimo rapporto, l’amicizia che vige fra di noi ci aiuta molto e quando c’è questa di base riusciamo a vivere la questione ballottaggio in maniera serena. L’assenza di un titolare da un lato è peggio perché saper prima di giocare ti permette di prepararti al meglio, ma dall’altro, sapendo che tutto è da definire, si cerca di dare tutto in allenamento. A prescindere da come andrà sarà una grande esperienza, vivremo il momento: fin da piccolo sognavo di vestire questa maglia. Abbiamo analizzato bene la Spagna, hanno qualità nel palleggio e ottimi finalizzatori. Saremo rispettosi, ma al contempo consapevoli delle nostre caratteristiche. Fa bene aver giocato tanto durante l’anno, arriviamo a disposizione del c.t. in forma, fondamentale per convincerlo nelle scelte. Abbiamo continuità e siamo giovani, fino a qualche anno fa in Italia non succedeva, oggi possiamo dire di esser migliorati, perché tutti i 23 convocati hanno avuto un minutaggio medio-alto”.

Le parole di Lorenzo Montipò, reduce da un’annata in B al Benevento: “Sul rapporto fra di noi confermo quanto detto dai compagni, chi andrà in campo verrà senza dubbio sostenuto dagli altri due. Indossare questa maglia dà sempre qualcosa in più, e in una competizione come questa – per la prima volta in Italia, per giunta – diventa ancora più importante. Per me avere tanta pressione è un bene”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy