Le rivelazioni di Evra: “In nazionale francese abbiamo ricevuto lettere razziste e scatole di escrementi”

Evra si espone sui social

di Redazione ITASportPress
Evra Milner

Patrice Evra torna a parlare sui social e come al solito non è mai banale. L’ex calciatore di Manchester United e Juventus ha voluto rispondere tramite Instagram a Le Graet, presidente della federcalcio francese, che recentemente aveva dichiarato la scomparsa del razzismo in Francia.

LE DICHIARAZIONI DI EVRA

Evra
Evra, getty images

“Il razzismo in Francia esiste eccome – ha esordito Evra – nel centro del calcio francese, lo Chateau, ci arrivavano lettere razziste e scatole piene di escrementi, ma non abbiamo mai voluto dire niente”.

ATTI RAZZISTI – “Spesso nei pranzi con la nazionale francese, quando arrivava il presidente, ci facevano spostare e mettere in fondo dove sedevano già Sakho e Sagna. Al nostro posto si mettevano Lloris e Koscienly, con il presidente che sedeva sempre al centro. Lo stesso iter viene seguito quando si scattano le foto, il presidente è meglio che abbia accanto Koscienly e Lloris rispetto a Sagna e Sakho, funzionava così”. Queste le fortissime dichiarazioni di Patrice Evra.

WANDA NARA È INCONTENIBILE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy