Razzismo, due gare a porte chiuse per la Bulgaria

Razzismo, due gare a porte chiuse per la Bulgaria

La sanzione arriva in seguito agli incresciosi episodi andati in scena durante la gara con l’Inghilterra

di Redazione ITASportPress

Una partita a porte chiuse e ammenda di 75mila euro. Questa la sanzione inflitta dalla Uefa alla Bulgaria in seguito agli episodi di razzismo andati in scena a Sofia durante la gara con l’Inghilterra dello scorso 14 ottobre, valevole per le qualificazioni ad Euro 2020. Alla nazionale bulgara è stato inflitto anche un secondo turno a porte chiuse, con la pena però sospesa per un periodo di prova di due anni. Il comitato disciplinare della Uefa, inoltre, ha imposto alla Bulgaria di esporre uno striscione con la scritta “No al razzismo” nelle prossime due partite casalinghe.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy