USA femminile, Rapinoe: “Se vinciamo il mondiale, non andrei alla Casa Bianca”. E Trump…

USA femminile, Rapinoe: “Se vinciamo il mondiale, non andrei alla Casa Bianca”. E Trump…

Botta e risposta piuttosto duro fra il capitano della formazione statunitense e il presidente del suo Paese

di Redazione ITASportPress

Nasce un caso in Francia, lì dove si stanno svolgendo i campionati del mondo di calcio femminile. È scontro verbale anche piuttosto acceso fra il capitano degli Stati Uniti Megan Rapinoe e Donald Trump. Il presidente aveva criticato la giocatrice per non aver cantato l’inno prima dell’ottavo di finale vinto contro la Spagna, lei ha risposto seccamente in questo modo: “Se dovessimo vincere il mondiale e fossimo invitati alla Casa Bianca, cosa di cui comunque dubito, io non ci andrei”.

RISPOSTA DEL PRESIDENTE – Non si è fatta attendere la replica di Trump, che ha voluto continuare a fare polemica: “Sono un grande fan del calcio femminile, ma Megan (Rapinoe, ndr) dovrebbe prima vincere e poi parlare. Finisce il suo lavoro! Non abbiamo neanche invitato ancora Megan o la squadra, ma ora lo farò, sia in caso di vittoria che di sconfitta. Megan non dovrebbe mancare di rispetto al nostro Paese, alla Casa Bianca, o alla nostra bandiera, soprattutto dopo tutto quello che abbiamo fatto per lei e la squadra. Sia orgogliosa della bandiera che indossa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy